Nuovi archivi nazionali di Francia

A cura di:

Posa della prima pietra a Parigi del nuovo edificio degli Archivi nazionali di Francia a Pierrefitte-sur-Seine.
Il primo ministro François Fillon e Fre’de’ric Mitterrand, Ministro della Cultura e della Comunicazione hanno dato il via alla costruzione della nuova struttura progettata da Massimiliano e Doriana Fuksas.
L’edificio sarà costituito da un grande volume, un monolite scolpito dall’interno, rivestito in alluminio che conterrà gli archivi da satelliti in vetro sospesi sull’acqua dei bacini che riflettono la luce e i suoi cambiamenti e conterranno gli uffici e i servizi culturali. I due edifici saranno collegati tra di loro tramite passerelle.
Creati durante la Rivoluzione francese, gli Archivi Nazionali conservano i documenti dei regimi politici che si sono succeduti dal VII secolo fino ad oggi, oltre agli archivi privati e le minute dei notai parigini.
Vero strumento della democrazia, gli Archivi nazionali sono aperti a tutti i cittadini e ai ricercatori che hanno bisogno di consultare gli archivi pubblici.
Tra questi documenti, alcuni simbolizzano le tappe più importanti della Storia di Francia: i papiri merovingi, i processi dei Templari, il diario di Louis XVI, il testamento di Napoleone, la Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo e del Cittadino, il giuramento del Jeu de Paume, le Costutizioni successive della Francia: 300 km di archivi, circa 10.000 lettori ogni anno.