Costruzioni stradali ed opere civili delle infrastrutture: riunione annuale UNI

A cura di:

Si è tenuta il 24 giugno 2005 a Milano la riunione annuale della commissione tecnica UNI “Costruzioni stradali ed opere civili delle infrastrutture”, presieduta da Pietro Giannattasio. Numerosi sono stati gli argomenti discussi, relativi al presente e al futuro dei lavori normativi in questo importante settore. Questi i punti principali:

Organico della commissione
È molto sentita la mancanza di partecipazione di rappresentanti delle pubbliche amministrazioni, in particolar modo nei gruppi di lavoro che si trovano ad affrontare il recepimento in Italia delle norme armonizzate facenti riferimento alla direttiva 89/106/CEE sui prodotti da costruzione.

Norme armonizzate
Le norme armonizzate finora pubblicate riguardano geotessili e prodotti affini (UNI EN 13249, UNI EN 13257, UNI EN 13265); sistemi schermanti (UNI EN 12676-1); pali per illuminazione pubblica (UNI EN 40-5, UNI EN 40-6, UNI EN 40-7); microsfere di vetro e granuli antiderapanti, inserti stradali catarifrangenti (UNI EN 1423 e UNI EN 1463-1); geosintetici con funzione barriera (EN 13361, EN 13491, EN 13492); aggregati per impiego nella costruzione di strade (UNI EN 13043, UNI EN 13242) e di massicciate ferroviarie (UNI EN 13450); aggregati leggeri per impiego nella costruzione di strade (UNI EN 13055-2); materiali per sigillatura di giunti (serie UNI EN 14188); pavimentazioni a base di calcestruzzo (UNI EN 13877-3).
Sono in arrivo norme armonizzate riguardanti barriere di sicurezza (prEN 1317-5); segnaletica verticale (serie prEN 12899); geosintetici con funzione barriera (EN 13362, EN 13493); specifiche per conglomerati bituminosi (serie prEN 13108); pannelli a messaggio variabile (UNI EN 12966-1).

Programma di lavoro
In ambito stradale stanno emergendo necessità normative che vanno al di là delle norme di prodotto o sui metodi di prova: iniziano infatti ad arrivare richieste sulla qualificazione del personale, sull’installazione e sulla progettazione.
Attualmente il programma di lavoro della commissione prevede, a livello nazionale, progetti di norma su:
– posa in opera della segnaletica verticale
– progettazione dei piani di segnalamento
– opere di difesa dalla caduta massi (terminologia, programma redatto dal committente, progetto preliminare, progetto definitivo ed esecutivo, metodi di prova).
Si sta inoltre valutando la possibilità di elaborare norme riguardanti la qualifica dei ricostruttori degli incidenti stradali, la caratterizzazione delle interfacce delle pavimentazioni, determinazione dell’aderenza.

Per informazioni:
UNI
Anna Rossi, Comparto Costruzioni
e-mail: [email protected]