Quali prospettive per l’industria italiana delle costruzioni

A cura di:

Il prossimo 3 febbraio alle 13.30, al termine della conferenza di apertura del MADE a Milano, il Presidente di FEDERCOSTRUZIONI Paolo Buzzetti, insieme ai componenti del Consiglio Direttivo della Federazione, incontrerà la stampa per fare il punto sull’articolato programma che la Federazione stessa sta mettendo in atto per contrastare la pesante crisi che ha colpito il settore.
L’incontro sarà anche l’occasione per illustrare i risultati della ricerca sulle prospettive per l’industria italiana delle costruzioni rispetto ai principali mercati mondiali promossa da Federcostruzioni in collaborazione con il MADE e realizzata dal CRESME.

Federcostruzioni riunisce le categorie più significative della filiera delle costruzioni, rappresentate da circa 100 associazioni di settore che a loro volta rappresentano complessivamente 30mila aziende, per 370 miliardi di euro di fatturato e 3 milioni di occupati. Ha come obiettivo quello di porsi come interlocutore qualificato a sostegno delle istanze e degli interessi del settore delle costruzioni all’interno di un progetto che lo veda protagonista dello sviluppo economico e sociale del Paese.
All’incontro, che si terrà presso la Sala Riunioni del Centro Servizi della Fiera Rho sarà presente anche il direttore del Cresme Lorenzo Bellicini.

La giornata proseguirà con un convegno, alle ore 14.30 nell’Area Forum presso l’Arena della Fiera, su “La ricerca e l’innovazione. Motori per un’industria delle costruzioni sostenibile”, organizzato in collaborazione con Piattaforma Tecnologica Italiana delle Costruzioni e Made Expo.
L’incontro sarà l’occasione per un confronto tra i rappresentanti del mondo industriale e delle istituzioni coinvolte sui temi della ricerca e dell’innovazione nel settore delle costruzioni.
All’evento parteciperanno, tra gli altri, il Presidente di FEDERCOSTRUZIONI Paolo Buzzetti, il Vice Presidente Paolo Perino, e il Vicepresidente di ANCE Piero Torretta.