Cartongesso: caratteristiche, applicazioni e costi

Il cartongesso è un materiale da costruzione economico, versatile, conveniente e facile da posare. Ormai molto diffuso, assicura molti vantaggi in termini di costi, facilità di installazione e viene utilizzato in diversi modi: dall’arredo alla costruzione di controsoffitti e pareti divisorie. Ecco le caratteristiche, le applicazioni e i costi.

A cura di:

Cartongesso: caratteristiche, applicazioni e costi

Indice degli argomenti:

Il cartongesso, diffusosi prima negli Stati Uniti e poi nel Nord Europa, è ormai uno dei protagonisti dell’edilizia anche in Italia. È un materiale di cui sentiamo parlare molto in edilizia, ma spesso ci sfuggono i suoi molteplici utilizzi e di certo non immaginiamo in quanto di ciò che ci circonda, negli spazi che viviamo e frequentiamo ogni giorno, sia presente.

Il cartongesso è prodotto e venduto in lastre e pannelli, composte da gesso e particolari fogli di cartone ed è utilizzato soprattutto per la realizzazione di pareti, soffitti e controsoffitti. I pannelli in cartongesso possono avere differenti spessori, anche se tra i più utilizzati ci sono quelli da 12-13 mm. Il successo di questo materiale da costruzione dipende dalle sue caratteristiche, oltre che dal prezzo contenuto, dalla facilità e velocità di posa: si applica velocemente e facilmente può essere rimosso, costa poco e ai progettisti piace molto perché è estremamente versatile e può essere modellato, assecondando così l’aspetto creativo del loro linguaggio.

Inoltre si tratta di un materiale apprezzato anche per le buone caratteristiche termoisolanti.

Questo lo rende un prodotto perfetto per diversi interventi, come controsoffitti, contropareti, pareti divisorie e anche componenti d’arredo, come librerie a muro o piccole nicchie.

Inoltre per soddisfare tutte le esigenze del mercato, esistono anche produzioni ad hoc che rendono possibile la realizzazione di superfici curve e di forme irregolari e personalizzate. La costante ricerca di innovazione ha infatti contribuito ad apportare continue migliorie nel prodotto, agevolando ancor più la posa in opera da parte del cartongessista. Naturalmente è possibile dipingerlo o carteggiarlo per ottenere una finitura liscia e uniforme.

Cartongesso: caratteristiche e vantaggi

Si tratta di un materiale naturale e proprio per questo suo essere ecologico viene spesso utilizzato anche per la realizzazione di edifici ecosostenibili.

Il suo utilizzo diffuso, oltre alla facilità di montaggio, dipende anche da alcune sue proprietà positive, come la resistenza al fuoco e all’acqua. Inoltre ha buone proprietà isolanti acustiche e termiche, il che spesso lo rende il materiale adatto per la costruzione di contropareti o pareti in cartongesso divisorie, sia interne che tra diversi alloggi.

Controsoffitto realizzato in cartongesso

Le lastre cartongesso sono utilizzate anche per ridurre i problemi di umidità, migliorando il microclima interno. Oltre a tutti questi vantaggi, va indicato anche il principale limite di questo materiale da costruzione, ovvero la scarsa resistenza meccanica a reggere elementi come mensole o altri oggetti d’arredo. Proprio per questo alcune aziende hanno sviluppato pannelli fibrorinforzati che vantano ottima resistenza meccanica.

E’ interessante ricordare che è possibile nascondere nelle pareti o soffitti in cui viene utilizzato il cartongesso impianti elettrici, idraulici e di climatizzazione .

Le lastre di gesso rivestite di cartone (le cosiddette lastre sandwich, dagli Stati Uniti, principale paese produttore e commercializzatore) sono alte 2 o 3 metri e larghe 1,2 metri.

Tipologie di pannelli in cartongesso

Lo spessore cambia in base alla tipologia:

  • cartongesso termoacustico, con un lato di polistirolo o polistirene in diversi spessori;
  • cartongesso idrorepellente, lastre a bassissimo assorbimento di acqua per cucine, bagni, lavanderie;
  • cartongesso per isolamento acustico, lastre con all’interno speciali colle antiacustiche, per camere d’albergo, ospedali, uffici, scuole;
  • cartongesso resistente ai carichi, speciali lastre che servono per strutture resistenti ai carichi (controsoffitti portanti, piani lavello o tramezzi);
  • cartongesso ignifugo, rispetta precisi parametri REI.

Ci sono anche lastre cartongesso additivate di fibre di vetro e legno; cartongesso flessibile, lastre con spessore ridotto con particolari caratteristiche di flessibilità, per realizzare superfici curve. Tanto per citarne alcune. Ed esiste anche il cartongesso per esterno, ovvero lastre realizzate con cemento alleggerito per strutture all’aperto.

Come abbiamo anticipato questo materiale viene anche utilizzato per la realizzazione di pareti divisorie che permettono di risolvere problemi di spazio o semplicemente ricavare utili nicchie.

Applicazioni del cartongesso

Viene utilizzato per diverse applicazioni e a seconda delle necessità si utilizzano lastre di differente spessore, fissate con le tecniche più adeguate. Uno dei principali utilizzi riguarda la costruzione di pareti interne divisorie, sia nel caso di nuova costruzione, che di ristrutturazione dell’esistente.

Una parete in cartongesso offre il vantaggio di poter realizzare un divisorio di spessore contenuto, in quanto questa struttura raggiunge generalmente gli 8-10 cm.

Parete in cartongesso

Il cartongesso viene spesso utilizzato per la realizzazione di ripiani, librerie o altri elementi funzionali o decorativi che completano le pareti di una stanza.

Un’ultima diffusa applicazione è quella relativa ai componenti di arredo.

Come si fissa il cartongesso al muro?

Per quanto sia sempre consigliabile affidarsi a un professionista, realizzare una parete in cartongesso è abbastanza semplice.

Per realizzare una parete interna in cartongesso, si posa una struttura metallica (generalmente in acciaio zincato) di sostegno, a cui fissare le lastre con apposite viti. Una volta fissate, le lastre vengono rifinite con intonaco. L’intercapedine che si crea tra le due lastre, viene spesso riempita con del materiale isolante.

Un altro uso diffuso è quello che prevede la realizzazione di contropareti attrezzate, che possono ospitare impianti, cavi e tubi di diversa misura. In questo caso, le lastre vengono fissate direttamente alla parete esistente ad una distanza che risponda alle esigenze del caso.

Questo fissaggio viene effettuato con apposite colle o con giunzioni metalliche. Anche nel caso dei controsoffitti, è necessario realizzare un telaio di sostegno in alluminio che, formando una griglia, regge i pannelli. Molto spesso, oltre a migliorare l’isolamento termico e acustico e ad ospitare gli impianti, i controsoffitti in cartongesso vengono integrati con sistemi di illuminazione composti di faretti e punti luce di diversa natura. 

Quanto costano i pannelli in cartongesso?

Le opere in cartongesso hanno un costo minore rispetto a quelle realizzate con materiali più tradizionali, in quanto sono contenute le spese sia per la materia prima, che per la manodopera del cartongessista. I pannelli possono essere facilmente realizzati in diverse forme e la loro posa semplice non richiede grandi investimenti per la manodopera necessaria all’esecuzione dei lavori.

Cartongesso: caratteristiche e vantaggi
Il costo di una struttura in cartongesso dipende dall’acquisto del materiale e e dalle dimensioni delle pareti o dei soffitti in cui verrà utilizzato. Se di dimensioni standard e senza particolari trattamenti di eventuali materiali isolanti e dei supporti metallici per il fissaggio dei pannelli, si aggira intorno ai 20 euro al mq. A questi costi, va poi aggiunta la manodopera. In generale, una parete in cartongesso base può costare tra i 30 e i 40 euro al metro quadro. I costi aumentano nel caso di pareti isolanti, anti-umidità o REI.

Cartongesso, lastre e pannelli. Rassegna prodotti

Bioisotherm – BioGips

lastre prefabbricate in gessofibrato BioGips di bioisotherm per la realizzazione di pareti in cartongesso
Bioisotherm – BioGips

Le lastre prefabbricate in gessofibrato BioGips  di Bioisotherm vengono utilizzate per la realizzazione di  pareti divisorie autoportanti e contropareti, con ottime caratteristiche termiche, acustiche e di protezione al fuoco (raggiungono la prestazione al fuoco EI 120/180).

Sono formate da gesso ceramico fibrorinforzato, con incastro maschio/femmina presente su tutti i bordi perimetrali e assicurano ottime prestazioni meccaniche e resistenza agli urti.

lastre prefabbricate in gessofibrato BioGips di bioisotherm per la realizzazione di pareti in cartongesso

La lastra, nella versione standard o idrorepellente, è particolarmente adatta agli ambienti più umidi.

Tra i vantaggi il sistema è realizzato in gesso, materiale 100% naturale in grado di assorbire l’umidità e che svolge funzione antibatterica. La posa è facile e veloce.

BioGips si può utilizzare sia nelle nuove costruzioni che negli interventi di riqualificazione con isolamento dall’interno.

Ediltec – GIBITEC PLUS

Cartongesso: caratteristiche, applicazioni e costi

Il pannello semisandwich prefabbricato GIBITEC PLUS di Ediltec è formato da una lastra di cartongesso di spessore 13 (o 10) mm accoppiata ad un pannello POLIISO PLUS® rivestito in carta metallizzata multistrato. E’ indicato per l’isolamento di pareti e soffitti dall’interno.

I pannelli hanno dimensioni standard pari a 1200 x 3000 mm (o 2000 mm) e sono disponibili in vari spessori.

Isolmant – 4YOU

4YOU by Isolmant - IsolGypsum
4YOU by Isolmant – IsolGypsum

4YOU by Isolmant è il nuovo sistema a secco che unisce, in varie combinazioni, un materiale isolante a una lastra in cartongesso, assicurando il miglior comfort. A seconda delle esigenze progettuali di isolamento termico e acustico, si può creare l’abbinamento più giusto.

Si tratta di una tecnologia innovativa, particolarmente adatta negli interventi di riqualificazione, che permette interventi veloci, sostenibili e duraturi, senza che sia necessario demolire. Isolmant4You inoltre è inattaccabile dagli agenti esterni ed è Voc Free, anallergico e resistente al fuoco.

Il sistema comprende 3 isolanti, ognuno disponibile in 4 versioni:

  • IsolGypsum Special, adatto per la riqualificazione acustica e termica delle pareti. E’ la soluzione più apprezzata per la sua versatilità e completezza, garantendo le migliori performance fonoisolanti in soli 10 mm e un significativo risparmio energetico.
    E’ disponibile anche nella versione IsolGypsum Special Super Green, specifica per il risanamento termico e acustico in basso spessore delle pareti, composta da una lastra di cartongesso con una percentuale di riciclato di 35% accoppiata ad un pannello di Isolmant Special Serie R Fossil Free, completamente sostenibile e proveniente da fonti rinnovabili.
  • IsolGypsum Perfetto, che con la speciale fibra Fibtec unisce efficienza acustica a sostenibilità.
  • IsolGypsum Telogomma, ad alto smorzamento acustico e delle vibrazioni, anche alle basse frequenze
4YOU by Isolmant - IsolGypsum Special Idro
IsolGypsum Special Idro

Anche le lastre in cartongesso si declinano in più prodotti: alla versione Standard si aggiungono infatti la Idro, specifica per ambienti umidi, D+Salus, dotata di tecnologia Activ’Air® che assorbe e neutralizza fino al 70% della formaldeide, D+Resisto, ad alta resistenza meccanica e agli urti.

4YOU by Isolmant - IsolGypsum Perfetto
IsolGypsum Perfetto

IsolGypsum Duo infine unisce due tecnologie – Telogomma  e Fibtec – ed è la soluzione in grado di migliorare il potere fonoisolante delle pareti interne grazie all’accoppiamento di materiali di diversa composizione e densità. 

Linea Acustica di Phonolook Acoustics by Eterno Ivica

Gipsline TXT lastra termoisolante per pareti in cartongesso di Phonolook Acoustics by Eterno Ivica
Lastra termoisolante Gipsline TXT

Acustica è la linea di Phonolook Acoustics by Eterno Ivica dedicata al fonoisolamento. Grazie all’esperienza pluriennale acquisita nel mercato la linea Acustica propone prodotti innovativi e durevoli di elevata qualità, assicurata anche dall’approfondita conoscenza dei materiali. I prodotti della linea Acustica coprono diverse funzioni: anticalpestio, sottopavimento, pannelli intercapedine e altri accessori.

Una parete sottile può essere isolata facilmente? L’ultima tendenza negli interventi di ristrutturazione impone la costruzione di pareti divisorie leggere e di ridottissimo spessore, e la stessa esigenza si ripresenta per pareti e solai esistenti che devono essere risolti in pochi centimetri.

Le lastre MASTERGIPS BLU e BLACKGIPS, GIPLINE TXT e WOODGIPS uniscono il vantaggio dello spessore ridotto al pregio di conferire elevate masse superficiali, assicurando ottime prestazioni grazie all’accoppiamento delle lastre pesanti con membrane fonoimpedenti costruite da polimeri poliolefinici.

L’incollaggio diretto a parete e il fissaggio su struttura permettono di ottenere prestazioni e ingombri ottimali, in relazione agli spazi a disposizione.

La lastra fonoisolante Gipsline TXT è adatta per la realizzazione di contropareti in cartongesso, in grado di migliorare l’isolamento acustico di pareti esistenti in laterizio, in applicazione in aderenza, senza struttura metallica.

Gipsline TXT lastra termoisolante per pareti in cartongesso di Phonolook Acoustics by Eterno Ivica

Il prodotto è composto da una lastra SOUNDBLOCK, pannello in gesso rivestito a bordi assottigliati, con cuore ad alta densità e rinforzato con fibre di vetro, di spessore 12,5 mm e da un elemento fonoimpedente in TXT. Svolge funzione fonoisolante ma anche estetica grazie al rivestimento di una faccia con cartoncino color bianco, tanto da essere spesso utilizzata come finitura a vista del pacchetto acustico.

Il prodotto TXT con uno spessore di 7 mm, sovrapposto al SOUNDBLOCK, è realizzato in materia prima riciclata e nuovamente riciclabile a fine vita del fabbricato; è costituito da cascame di tessuti di colore bianco, ottenuto da una miscela igienizzata e sterilizzata di filamenti di cotone, lino e lana, mantenuto in lastre per mezzo di collante polipropilenico.

Per migliorare l’isolamento acustico di pareti esistenti in laterizio e ristrutturare un’abitazione, GIPSLINE TXT è la soluzione più semplice ed efficace nell’applicazione di lastre fonoisolanti accoppiate a cartongesso in aderenza alla muratura, senza struttura metallica, prestando attenzione nella verifica del supporto: che sia continuo, piano e privo di asperità.

Il prodotto è dotato di certificazione secondo Italian CAM Edilizia e French VOC Regulation che ne convalida le bassissime emissioni di VOC in ottica di un’elevata qualità dell’aria nell’ambiente interno. 

Fassa – Involucro a secco

Fassa: Sistema parete Externa Wall - parete per esterni MODUS WLCV 75-150/287
Sistema parete Externa Wall – parete per esterni MODUS WLCV 75-150/287

Tra i punti di riferimento del settore col suo sistema Gypsotech®, Fassa Bortolo offre anche una serie di interessanti soluzioni dedicate ai sistemi a secco per esterni.

Gli involucri stratificati a secco non solo soddisfano puntualmente i requisiti prestazionali standard (meccanico, termico, acustico antincendio), ma permettono di ottenere elevati livelli di efficienza energetica, sostenibilità economica ed ambientale, oltre a comportare indubbi vantaggi costruttivi.

Ad esempio, un involucro a secco pesa circa 1/3 rispetto a una parete in laterizio e abbatte i costi delle opere di fondazione, dei volumi di scavo e di getto.

L’elevato isolamento termo-acustico assicura prestazioni energetiche e di comfort molto elevati. Grazie all’industrializzazione del processo edilizio i tempi di costruzione si abbattono del 50 – 60%; trattandosi di una costruzione a secco sono eliminati i quotidiani problemi ed i lunghi tempi di asciugatura e maturazione, e anche gli impianti vengono integrati più facilmente nelle intercapedini che caratterizzano il sistema. L’involucro è altamente personalizzabile ed aggiornabile nel tempo a fronte di nuove esigenze (ad esempio il cambio della destinazione d’uso).

Per semplificare l’approccio di progettisti e applicatori a questa tecnica costruttiva, Fassa Bortolo ha recentemente pubblicato anche un manuale tecnico per l’uso del sistema GYPSOTECH® per esterni, scaricabile gratuitamente del sito dell’azienda, una guida dettagliata per la scelta e la posa in opera dei sistemi a secco, in grado di fugare qualsiasi dubbio.

Una prima sezione del manuale è dedicata alle norme e alle certificazioni, fondamentali per gli appalti pubblici, ma importanti anche per gli utenti sempre più attenti alle tematiche ambientali.
Segue una descrizione del sistema per esterni con la presentazione delle tipologie di lastre e componenti disponibili e la proposta delle soluzioni tecniche specifiche per pareti, contropareti e controsoffitti esterni, ricche di utili dettagli su prestazioni e comparazione tra le varie soluzioni, in modo da scegliere quella più adatta alle proprie esigenze. C’è infine un’ultima parte dedicata a istruzioni operative e procedure di installazione.

Saint-Gobain – Gyproc DuraGyp ECO Activ’Air®

Saint Gobain – Gyproc DuraGyp ECO Activ’Air
Saint-Gobain – Gyproc DuraGyp ECO Activ’Air®

Saint-Gobain è un’azienda particolarmente attenta all’ambiente e alla sostenibilità, oltre che alla qualità dei prodotti: la lastra in cartongesso Gyproc DuraGyp ECO Activ’Air® del marchio Gyproc, si caratterizza per il più alto contenuto sul mercato di materiale riciclato certificato. Il 35% della lastra ad alte prestazioni, proviene infatti dagli scarti di cartongesso. Ma non solo, coerentemente con la filosofia aziendale di attenzione all’economia circolare, la lastra è riciclabile al 100% limitando in questo modo il proprio impatto lungo tutto il ciclo di vita del prodotto.

Gli utilizzi della lastra sono molteplici, in soluzioni a parete, controparete e controsoffitti, garantendo in caso di parete divisoria ottime prestazioni in termini di potere fonoisolante Rw = 58 dB, resistenza al fuoco di EI 90 (Hmax=5 m) e resistenza agli urti .

Gyproc SA 125/75 L DG ECO STD, parete divisoria
La parete divisoria Gyproc SA 125/75 L DG ECO STD è formata da due lastre Gyproc DuraGyp ECO Activ’Air®, due lastre in gesso rivestito Gyproc Wallboard e uno strato di materiale isolante in lana di vetro Isover AcustiPAR 4+, da inserire nell’intercapedine tecnica tra i montanti della struttura metallica.

Activ’Air®, la tecnologia di cui è dotata la Gyproc DuraGyp ECO, garantisce alla lastra l’assorbimento e la neutralizzazione fino al 70% della formaldeide che si trova negli ambienti interni. Activ’Air® è in grado di metabolizzare e rendere inerti a lungo le sostanze chimiche senza che poi vengano rimesse in ambiente.

In termini di rispetto ambientale, la lastra è certificata Eurofins Indoor Air Comfort Gold in quanto rispetta i più rigidi standard europei ed internazionali di ridotte emissioni nell’aria di VOC. E’ inoltre conforme ai requisiti fissati dal D.M. 11 ottobre 2017 sui Criteri Ambientali Minimi e si può dunque utilizzare nelle costruzioni green. La lastra concorre a ottenere i crediti per raggiungere i principali standard e protocolli di sostenibilità ambientale degli edifici, quali LEED, WEEL e BREEAM.

STIFERITE RP

Pannelli STIFERITE RP per l'isolamento termico da interno
Pannelli STIFERITE RP per l’isolamento termico a soffitto o parete da interno

STIFERITE ha sviluppato un prodotto specifico per risolvere gli eventuali problemi che possono sorgere negli interventi di riqualificazione quando sia necessario l’isolamento termico dall’interno di pareti o soffitti. Si tratta di interventi che provocano una riduzione dei volumi e delle superfici utili che è necessario limitare il più possibile con soluzioni efficienti.

STIFERITE RP è un pannello formato da una lastra in cartongesso da 13 mm di spessore accoppiata ad uno strato isolante in schiuma polyiso che, sul lato caldo a contatto della lastra in cartongesso, è dotato di un rivestimento che funziona da schermo al vapore, che evita la formazione di condense interstiziali, mentre dall’altro lato la schiuma è protetta da un rivestimento adatto all’incollaggio diretto sui vari materiali che si possono usare per le pareti.

Pannelli STIFERITE RP per l'isolamento termico a soffitto o parete da interno

STIFERITE RP assicura ottime prestazioni isolanti e valori di conducibilità termica molto bassi (lD = 0,022 W/mK) che garantiscono, a parità di isolamento ottenuto, di limitare in maniera significativa lo spessore di isolante utilizzato. Più nel dettaglio il pannello assicura la medesima prestazione termica dei materiali isolanti alternativi ma con spessori del 30-40% inferiori.

Pannelli STIFERITE RP per l'isolamento termico a soffitto o parete da interno

Tra i molti vantaggi i pannelli STIFERITE RP sono leggeri e vengono forniti già accoppiati a lastre in cartongesso. La posa in opera, sia a parete che a soffitto, è semplice e veloce, anche tramite incollaggio diretto senza l’utilizzo di orditure metalliche. Inoltre è possibile realizzare i pannelli con la medesima altezza delle superfici da coibentare, limitando in questo modo il numero dei giunti e i tempi di lavorazione per la loro sigillatura.

I Pannelli sono realizzati nel rispetto ambientale e sono conformi ai CAM – Criteri Ambientali Minimi, garantiscono ottime prestazioni di reazione al fuoco con classificazione B s1 d0.




Articolo realizzato in collaborazione con ...