Al MAXXI le 5 proposte dei finalisti di YAP MAXXI 2013

Al MAXXI le 5 proposte dei finalisti di YAP MAXXI 2013

5 gli studi finalisti dell’edizione 2013 di YAP MAXXI – Young Architects Program, il progetto che vede il MAXXI e il MoMA/ MoMA PS1 di New York insieme per promuovere e sostenere la giovane architettura.
In gara per realizzare a giugno uno spazio eventi nella piazza del MAXXI:
AK0 – architettura a kilometro zero (Roma), Borderline
Una parete rivestita di legno che, variando in spessore e altezza, si trasforma in rampa, luoghi di sosta e terrazze affacciate sul MAXXI e sul quartiere circostante.

bam! bottega di architettura metropolitana (Torino), He
Un’installazione aerostatica di grandi dimensioni che, alzandosi dalla piazza del MAXXI, fluttua nell’aria proiettando la sua ombra sul tappeto erboso e la piattaforma di legno allestiti come aree per la sosta, il gioco e il relax.

Matilde Cassani (Milano), Ground atlas
Un ambiente a metà strada tra un paesaggio naturale e uno spazio pubblico tipicamente urbano. Il progetto possiede l’informalità e la leggerezza della spiaggia e la retorica scenica di una fontana barocca.

LABORATORIO PERMANENTE (Milano), Springing MAXXI
Il progetto ricorre al tema dell’acqua, proponendo una grande cascata circolare che, durante i mesi estivi, offrirà refrigerio ai visitatori del museo e, dopo il tramonto, si accenderà come un’installazione luminosa e farà da scenografia alle attività che animeranno la piazza

LOOP Landscape & Architecture Design (Rotterdam), Oltre il giardino
Evocazione di un paesaggio naturale nel cuore pulsante dello spazio urbano. Una serie di bianche colline artificiali ospitano nuvole di acqua nebulizzata, pini sotto i quali sdraiarsi per ripararsi dal sole e macchie di vegetazione eterogenea

Al MAXXI le 5 proposte dei finalisti di YAP MAXXI 2013
AK0 – architettura a kilometro zero, Borderline