SIMEST ed ANCE insieme per l’internazionalizzazione delle imprese delle costruzioni

A cura di:

E’ stato firmato a Roma dall’Amministratore Delegato di SIMEST, Massimo D’Aiuto e dal Presidente dell’Associazione nazionale costruttori edili Paolo Buzzetti il protocollo d’accordo per sostenere l’internazionalizzazione delle imprese italiane che operano nel settore delle costruzioni.
Questo accordo si inserisce nella tradizionale collaborazione tra ANCE e SIMEST e consentirà di valorizzare le specifiche competenze a vantaggio delle aziende del settore.
“Il settore internazionale delle costruzioni italiane ha registrato un incremento di circa il 130% nel quinquennio 2003 – 2007, e questo nonostante l’accresciuta competizione internazionale, specie da parte dei paesi emergenti – ha dichiarato il Vice Ministro allo Sviluppo Economico con delega al Commercio Estero Adolfo Urso che ha presieduto alla firma dell’accordo – Proprio per questo è importante operare insieme, in modo sinergico perchè all’estero il comparto delle infrastrutture è sempre più richiesto dai nostri paesi partner: dalla Libia che sta varando un grande progetto infrastrutturale all’Arabia Saudita che ha intenzione di costruire con il made in Italy delle vere e proprie città nel deserto. Ma la richiesta arriva anche dai paesi del Golfo; dagli Emirati al Qatar, fino all’Australia. Per questo sono convinto che questo accordo farà ancora di più internazionalizzare un settore vitale per la nostra economia che vale il 12% del Pil’’.
‘‘Il protocollo rappresenta un ulteriore rafforzamento della collaborazione tra SIMEST ed ANCE – ha sottolineato Massimo D’Aiuto – che consolida un rapporto di lunga data. Le aziende del settore delle infrastrutture rappresentano, infatti, una componente molto importante per l’economia italiana che SIMEST vuole affiancare sempre di più e sempre meglio in tutte le fasi di sviluppo sui mercati internazionali, specialmente del Nord Africa e del Golfo, mettendo a disposizione la propria esperienza, attraverso un’assistenza specialistica personalizzata, al fine di valorizzare al massimo il loro potenziale di sviluppo internazionale’’.
‘‘E’ in questo contesto e tanto più nello scenario infrastrutturale internazionale fortemente influenzato dalla crisi finanziaria, che l’Ance – ha osservato il Presidente Paolo Buzzetti – intende da un lato rafforzare la collaborazione con l’intera filiera delle costruzioni e con il sistema bancario, e dall’altro analizzare nuovi strumenti e possibilità di cooperazione con i principali attori del settore pubblico italiano. In questo senso assumono ancora pù importanza gli incontri avuti oggi con il Vice Ministro Urso, autorevole esponente del Governo italiano e che ringraziamo per l’ampia collaborazione da oltre un anno manifestata nei nostri confronti, e con l’Ing. D’Aiuto e la Società che egli rappresenta così autorevolmente, oltre che la stessa firma del primo Protocollo di intesa Ance – Simest’’.