Italian Design

A cura di:

Si è appena conclusa la missione business “Italian Design” che FederlegnoArredo ha organizzato a Chicago dall’8 all’11 novembre in collaborazione con Promos Monza Brianza, Camera di Commercio Italiana Americana, AIA American Institute of Architects Chicago e IIDA International Interior Design Association. Quattro giorni di incontri business to business che hanno permesso alle aziende italiane del settore legno-arredamento, che hanno aderito al progetto e che sono già presenti sul mercato statunitense, di incontrare i principali studi di architettura americani di fama internazionale tra cui Skidmore, Owings & Merrill; Getty’s; Gary Lee; Solomon, Cordwell & Buenz; Gensler; HOK, Perkins+Will.
I rappresentanti del mondo del design made-in-Italy, grazie a un dialogo attento e costruttivo, hanno sviluppato rapporti e sinergie professionali con i più autorevoli rappresentanti dell’architettura e dell’interior design mondiale, entrando in contatto diretto con le esigenze concrete dei progettisti per essere così pronti a raccogliere, interpretare e soddisfare le richieste di un mercato significativo per l’intero comparto.
La missione nasce da una proposta di alcune realtà imprenditoriali del legno-arredamento aderenti a FederlegnoArredo sviluppata in sinergia con la Federazione e che ha dato vita a un lavoro intenso per preparare fin nel dettaglio un’iniziativa unica nel suo genere, grazie al coinvolgimento attivo del presidente Roberto Snaidero, del vice-presidente vicario e presidente di Assarredo Giovanni Anzani, del direttore generale Giovanni De Ponti e del responsabile promozione internazionale Francesco Ghilardotti.
La Federazione è riuscita a creare una missione imprenditoriale dal taglio concreto e pratico, dalla quale sono scaturiti contatti e collaborazioni che promettono di sviluppare ampi spazi di crescita. Grazie a tavoli tecnici si è arrivati infatti alla definizione di un progetto mirato che ha permesso di porre in contatto diretto le aziende che hanno partecipato all’iniziativa e gli studi di architettura coinvolti. L’organizzazione e la vocazione business oriented, mirata e targettizzata sui pubblici di interesse, ha permesso da un lato di consolidare i rapporti commerciali già in essere, dall’altro di creare nuove sinergie produttive esclusive e innovative.
Durante gli incontri organizzati, architetti e designer che già conoscono l’eccellenza made-in-Italy, hanno trasferito le loro esigenze e richieste direttamente a realtà produttive che sono in grado di tradurre in oggetti d’arredo idee visionarie e creare nuovi potenziali prodotti soprattutto per le grandi commesse di contract. Gli incontri di “Italian Design”, non possono essere definiti solo missioni d’affari. Sono momenti pensati per promuovere un nuovo modo di concepire i rapporti d’affari, dove produttore e progettista lavorano gomito a gomito per realizzare prodotti unici che soddisfano i criteri di qualità, di design, di innovazione tipici del made-in-Italy ritagliati sulle specifiche esigenze del richiedente.
FederlegnoArredo ha deciso di proporre alle aziende aderenti queste iniziative non solo per promuovere l’eccellenza della manifattura legno-arredo italiana. L’obiettivo della Federazione è porre le basi per creare nuovi spazi di collaborazione rivolti a una realtà manifatturiera che è in grado di plasmarsi sulle richieste dell’architetto proprio perché preparata, all’avanguardia e pronta a cogliere le sfide del futuro.
L’iniziativa “Italian Design” rientra nelle nuove attività di promozione internazionale alle quali FederlegnoArredo sta lavorando per promuovere l’intera filiera dell’arredamento italiano all’estero e per favorire l’incontro tra imprese e professionisti dell’architettura. È previsto un nutrito calendario di appuntamenti all’estero, in particolare negli Stati Uniti.
“La Federazione è impegnata in un’intensa attività di promozione della qualità, della creatività, del design dei prodotti made-in-Italy – commenta il presidente Roberto Snaidero. Iniziative come “Italian Design” sono pensate per favorire la conoscenza e il confronto con segmenti molto specifici del mercato, tra il mondo della manifattura e quello del progetto. Le aziende che scelgono di aderire a queste iniziative hanno l’opportunità di entrare in contatto diretto con le esigenze di architetti e designer e di presentare le loro proposte più innovative attraverso canali privilegiati. E’ questa la nuova cifra che caratterizza l’attività di promozione internazionale della federazione a cui vogliamo dare seguito anche con prossime missioni.”