Il vincitore del Confindustria Ceramica Russian Distributor Award 2011

A cura di:

Il numero 27 di Cer Magazine International nella versione in cirillico – in spedizione in questi giorni ad una mailing-list in Russia e nei Paesi di lingua slava orientale – sarà ufficialmente presentato in occasione dell’apertura di Mosbuild, ma è già scaricabile gratuitamente su iPad e visibile sul sito www.laceramicaitaliana.it.
Oltre a descrivere i più recenti progetti realizzati mediante l’impiego di materiale ceramico italiano, questo numero intervista l’architetto emergente Diébédo Francis Kéré e illustra le sue opere, parla con Alena Agafonova, comproprietaria e codirettrice insieme a Maxim Malishev dell’azienda di distribuzione russa RIM.ru.  Nato in Burkina Faso, l’architetto Diébédo Francis Kéré, autore dell’ampliamento della scuola elementare e delle residenze degli insegnanti nel villaggio di Gando, oltre che della scuola secondaria di Dano, si è aggiudicato il prestigioso premio BSI Swiss Architectural Award 2010.
La giuria, presieduta da Mario Botta, ha apprezzato la sua architettura essenziale, intelligente, dove il coinvolgimento delle comunità locali diventa progetto attivo per un miglioramento delle condizioni di vita in un contesto povero come il Burkina Faso. RIM.ru, vincitrice del Confindustria Ceramica Russian Distributor Award 2011, è un’importante azienda di distribuzione attiva nel settore della ceramica e arredo per interni di fascia medio alta. La politica della compagnia, presente sul territorio russo con diversi showroom dal forte valore estetico, oggi consiste nel collaborare a stretto contatto con architetti e designer, basando sulla creatività la propria tattica di vendita.Per questo fiore all’occhiello dell’azienda sono i prodotti italiani: è il made in Italy che racchiude infatti l’”idea illuminata”, le nuove idee, i nuovi orientamenti. 
I progetti, tutti accomunati dall’uso della ceramica italiana, spaziano dallo stile minimale di un appartamento a Miami Beach alla trasformazione della stazione centrale di Torino Porta Nuova, dalla semplicità di una villa della bassa vercellese che reinterpreta in modo contemporaneo l’architettura rurale della zona alla grande armonia tonale del Centro Fitness Extraspa a Fano, dai colori mediterranei di un nuovo complesso residenziale a Soverato, in Calabria, all’alta tecnologia di un complesso polifunzionale sorto a Lugano. 
Le ultime interpretazioni della ceramica italiana vengono poi illustrate dal viaggio di Cer Magazine tra le capitali mondiali delle tendenze attraverso Trend Town Trip. Dando luogo alla rivisitazione dell’impostazione editoriale di questa sezione, Cer Magazine International incontra in questo numero, le opere di tre importanti architetti contemporanei – Daniel Libeskind, Jean Nouvelle, Renzo Piano –, i cui progetti realizzati rispettivamente a Milano, Parigi e San Francisco, dimostrano come la ceramica italiana possa contribuire al rispetto della sostenibilità ambientale e ad una sensibilità sempre maggiore per una cultura del design.