Analisi di gestione del rischio

A cura di:

Come dimostra il tragico terremoto che ha colpito l'Abruzzo nell'aprile 2009, l'Italia è soggetta a frequenti, imprevedibili e violente scosse sismiche.
Circa il 40% della popolazione italiana vive in zone ad alta attivita' sismica, mentre gran parte del patrimonio edilizio ne cessita di un adeguamento alle moderne norme antisismiche.
E' quanto emerge dal rapporto dell'organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico, Ocse, ''Analisi di gestione del rischio: il sistema italiano di Protezione Civile. Risultati e raccomandazioni'', presentato a Palazzo Chigi.

Negli ultimi 20 anni, si legge nel rapporto, ben nove terremoti hanno colpito l'Italia provocando 378 vittime e causando danni per quasi 20 miliardi di dollari.
Mentre circa 80.000 persone sono state sfollate, evacuat e o soccorse e assistite in situazioni di grave emergenza. Nel XX secolo circa 128.000 italiani hanno perso la vita durante un terremoto.
Tuttavia, ad eccezione del recente disastro in Abruzzo, dal 1908 nessun sisma di forte intensita' ha colpito una grande città.