Seminarhaus per Seminarkristall

A cura di:

E’ stato realizzato vicino a Lienz un centro dedicato a seminari, meeting, workshop sul tema dell’energia dell’uomo su progetto di MHM Architects di Vienna, committente Strabag AG.
Stahlbau Pichler si è occupata della realizzazione delle strutture e dell’involucro di un centro molto particolare, sorto a Iselsberg, un paese nei pressi di Lienz, in Austria, dedicato ad ospitare seminari, incontri e lavori sull’energia e sulla bioenergetica.
Nato per ospitare filosofie orientali come il feng shui, che ricerca uno stile di vita da seguire per stare in armonia con lo spazio che ci circonda, il progetto, sviluppato dallo studio MHM Architects di Vienna, è sorto ruotando intorno all’uso di particolari materiali, colori, luci, immagini simboliche fondamentali per influenzare positivamente le capacità ed il benessere di quanti entreranno in questo luogo.
Questo Seminarhaus è una vera e propria casa, creata per ospitare workshop ed attività legate ad un discorso energetico. Sorge in una zona molto tranquilla, su una collina direttamente affacciata sul paesaggio alpino.
La sala per i seminari difatti presenta una vista panoramica sulle Dolomiti ed offre lo spazio per ospitare fino a 30 persone per seminario e fino a 50 per conferenza.
Riproduce un quarzo scuro, una pietra, un gigante gruppo ottico pensato per stimolare nei visitatori e negli operatori un movimento benefico per lo spirito, incarna un luogo unico, un cristallo luminoso, per rendere ogni seminario un’esperienza particolare, senza dubbio positiva.
Entrando nel dettaglio possiamo innanzitutto descriverne velocemente la struttura interna.
Partendo dal sottoterra, dove si trovano una cucina, si procede fino al piano terra, qui si ritrovano una stanza per la meditazione, una stanza per i massaggi ed una fontana di acqua termale.
All’esterno si trovano due terrazze cosicché nei giorni di sole è possibile svolgere i seminai all’esterno, godendo appieno della bellezza del panorama naturale che fa da cornice a questo centro.
La struttura dispone inoltre di stanze attrezzate di servizi per pernottare nella Seminarhaus.
Tutta la struttura è agibile ai disabili.
Entrando ora nell’analisi dell’impianto strutturale possiamo soffermarci prima sulla struttura portante e successivamente sull’involucro, entrambi firmati Stahlbau Pichler
L’acciaio utilizzato per le strutture metalliche è pari ad un peso di 50 tonnellate sviluppato seguendo scelte ingegneristiche in perfetto accordo con le complesse geometrie dell’edificio e nel rispetto delle normative antisismiche.
Sono stati adoperati bulloni 8.8 e 10.9 e tutta la struttura metallica portante è stata trattata con vernice intumescente omologata AICAA per rendere il materiale, oltre che maggiormente resistente in caso di incendio, anche più resistente agli effetti del passare del tempo, alla corrosione ed alle intemperie.

Par quanto riguarda invece le facciate e la copertura, è stato utilizzato esclusivamente vetro selettivo grigio in pasta con pannelli “shadow box”, montanti e traversi in acciaio (sistema Raico® SG2) per 450m². Questo per poter assecondare il disegno irregolare della struttura. La struttura portante è realizzata in profili saldati a T d’acciaio, costituiti da un’ala e un’anima perpendicolare, con profilo tecnologico applicato.
Si è optato per un sistema di drenaggio d’acqua con guarnizioni in EPDM, che garantisce un eccellente resistenza all’ozono ed all’ossigeno, insensibilità sia in condizioni statiche che dinamiche come anche resistenza all’azione di agenti ossidanti, alla degradazione dovuta all’invecchiamento atmosferico.
Sono stati adottati giunti verticali per i vetri, realizzati con Silicone speciale Ramsauer®.
Sono stati adottati elementi di vetro camera con 300 sagome diverse, in pratica tutti i vetri sono sagome uniche. Questa è una delle caratteristiche dell’azienda Stahlbau Pichler, la capacità di soddisfare le esigenze specifiche, anche lavorando sul singolo componente, per arrivare a garantire la fattibilità di qualsiasi architettura, anche la più originale.
Nello specifico si è adottata una tipologia di vetro high performance 40/19 a garanzia della massima flessibilità estetica e delle elevate prestazioni in termini di guadagno di calore solare e di isolamento termico. Si sono infatti adottati vetri con fattore solare alto per contenere il consumo energetico durante la stagione estiva.
Al fine di garantire la massima visibilità dall’interno dell’edificio verso l’esterno, visto il panorama circostante, si è adottata la scelta di una facciata montanti e traversi in profili d’acciaio trafilato con sezione a “T”.

Foto: Seminarkristall Iselsberg e MHM architects Wien