Primo rapporto Istat sulle attività non finanziarie

Le famiglie posseggono il 91% del patrimonio residenziale

Primo rapporto Istat sulle attività non finanziarie

L’ultima edizione del Rapporto annuale dell’Istat sviluppa una riflessione documentata sul presente dell’Italia, descrive le trasformazioni intervenute nel recente passato e individua le prospettive e le potenzialità di crescita del Paese.

Concentra inoltre l’attenzione sui diversi soggetti che si muovono nel sistema produttivo, nella società e nei territori per cogliere le loro interazioni al fine di individuare i punti critici, gli elementi dinamici e i fabbisogni di intervento da offrire alle decisioni dei policy maker.

Dall’analisi si evince che il mattone rimane il principale investimento reale in Italia e rappresenta quasi il 90% del patrimonio di attività non finanziarie detenute dalle famiglie, dalle società e dalle amministrazioni pubbliche.

E’ quanto emerge dal primo rapporto dell’Istat sulle attività non finanziarie, relativo agli anni 2005-2013.
Gli altri beni di capitale fisso, materiale e immateriale pesano per poco più del 9% mentre i terreni agricoli per circa il 3%. Il 91% del patrimonio residenziale è proprietà delle famiglie. 

Scarica LUOGHI, CITTÀ, TERRITORI: STRUTTURA E DINAMICHE DI SVILUPPO in PDF

Primo rapporto Istat sulle attività non finanziarie
Primo rapporto Istat sulle attività non finanziarie 2