La certificazione professionale in edilizia

A cura di:

ICMQ, organismo di certificazione che opera nel settore dei prodotti e servizi per l’industria delle costruzioni e dell’edilizia in genere, ha partecipato il 7 marzo scorso a Venezia alla presentazione del corso “Tecnico certificato per la manutenzione e decorazione di superfici architettoniche negli edifici storici”. Il corso, primo nel suo genere in Italia, è promosso da Confartigianato Venezia e Colorificio San Marco con l’obiettivo di qualificare professionalmente gli operatori del settore dell’edilizia e della dipintura, un nuovo strumento per garantire ai committenti competenza, qualità e affidabilità dei fornitori. Si tratta infatti di un programma di formazione teorico-pratica che sfocia in una certificazione delle competenze e delle abilità tecniche acquisite dai partecipanti, certificazione che, similmente a quanto avviene per quelle di qualità aziendale, prevede anche specifiche procedure e verifiche per il suo mantenimento nel tempo.
Secondo i promotori del corso, la cui prima edizione si svolgerà sempre a Venezia tra il 4 aprile e la fine di maggio, iniziative come questa creeranno maggiore trasparenza nel mercato dell’edilizia, perché permetteranno ai committenti di avere precise garanzie sulla competenza, la qualità e l’affidabilità dei fornitori certificati, potendo così distinguere con cognizione di causa tra gli operatori qualificati e quelli improvvisati.
L’iniziativa formativa proposta è, tra l’altro, perfettamente in linea con la proposta di legge presentata da Confartigianato nazionale per regolamentare l’accesso degli operatori al settore.
Tale provvedimento recentemente presentato intende, attraverso la qualificazione degli imprenditori, garantire trasparenza del mercato e tutela per i lavoratori e i consumatori. La proposta di legge ha infatti un obiettivo fondamentale: combattere il fenomeno degli operatori improvvisati, degli abusivi e dei doppio lavoristi che mettono a rischio la sicurezza dei lavoratori, fanno concorrenza sleale alle imprese regolari, sottraggono gettito alle casse dello Stato, rendono un cattivo servizio ai consumatori.
Il percorso formativo, proposto, pur su base volontaria, nel prevedere l’ottenimento di specifici requisiti di idoneità professionale, anticipa di fatto quelli indicati dalla proposta di legge e che probabilmente diverranno obbligatori per poter esercitare un’attività nel settore edilizia-dipintura.
Il corso, della durata complessiva di 32 ore, si sviluppa in 8 incontri di 4 ore ciascuno. Le lezioni si svolgono all’interno del laboratorio del Colorificio San Marco a Marcon, di Venerdì pomeriggio e Sabato mattina con cadenza quindicinale. Destinatari, gli operatori edili e i dipintori, sia titolari che dipendenti, operanti prioritariamente nella Venezia insulare.
ICMQ interviene al termine del corso per verificare le competenze e abilità tecniche ivi acquisite dai partecipanti tramite un esame teorico e pratico, al superamento del quale viene rilasciato un certificato di qualifica professionale valido in tutta Italia. Compito di ICMQ, inoltre, è di vigilare sul mantenimento delle competenze da parte degli operatori certificati, che a questo scopo saranno sottoposti a verifiche annuali, in occasione delle quali dovranno dimostrare di aver partecipato a corsi di aggiornamento professionale e ottemperato a quanto richiesto dall’apposito regolamento ICMQ (obbligo di produrre schede di fine-lavoro da consegnare ai committenti e di gestire un registro dei reclami).
In caso di non conformità, irregolarità o reclami che facciano dubitare del mantenimento delle competenze, ICMQ potrà effettuare controlli direttamente in cantiere al fine di verificare l’adeguatezza delle conoscenze e delle abilità dell’operatore.
ICMQ Spa è l’organismo di certificazione di parte terza indipendente, accreditato Sincert, specializzato in prodotti e servizi per il settore delle costruzioni e dell’edilizia in genere, abilitato dai Ministeri competenti e notificato alla Commissione europea in relazione alla direttiva per i prodotti da costruzione 89/106/CEE relativa alla marcatura CE. Tra le sue attività principali la certificazione prestazionale degli edifici (requisito energetico, benessere acustico, benessere termico e benessere luminoso) secondo il protocollo denominato Sistema Edificio e la certificazione del personale (in conformità alla norma UNI CEI EN ISO/IEC 17024). ICMQ inoltre è accreditato per le certificazioni volontaria e ambientale di prodotto, e per quelle dei sistemi di gestione negli ambiti ‘qualità’, ‘ambiente’ e ‘sicurezza’. Rilascia anche certificazioni di conformità alle norme SA 8000 (etica sociale), BS 7799 (sicurezza delle informazioni) ed Qweb (e-commerce), oltre a essere organismo di ispezione accreditato per la verifica dei progetti riguardanti appalti pubblici ai fini di validazione da parte dei committenti in conformità al Codice appalti.