La ceramica italiana di qualità in vetrina al Saie di Bologna

A cura di:

Si rinnova anche quest'anno la partecipazione del settore ceramico italiano al SAIE, il Salone dell’industrializzazione edilizia, in programma dal 28 al 31 ottobre prossimi. Sotto le insegne di Ceramic Tiles of Italy la piastrella italiana  si propone ai visitatori del salone che da oltre quarant'anni, presso il quartiere fieristico di Bologna, mette in mostra le ultime novità in fatto di  materiali, attrezzature, impianti e macchinari per l'edilizia. 
Una vetrina che è diventata un punto di riferimento per gli addetti ai lavori:  visitatori ed espositori  italiani ed esteri, che affollano i padiglioni della Fiera di Bologna, che qui possono trovare le ultime soluzioni tecnologiche immesse sul mercato.
Un'occasione di incontro e di confronto tra i  diversi addetti della filiera delle costruzioni. La partecipazione a Saie si inserisce nell'agenda delle attività promozionali di Confindustria Ceramica che, con il marchio Ceramic Tiles of Italy, supporta il prodotto ceramico di qualità in Italia e nel mondo. L'anno scorso lo stand istituzionale, disegnato dagli architetti Dante Donegani e Giovanni Lauda, ha suscitato grande interesse: sono stati 700, infatti, i visitatori registrati.
E anche per il 2009 si prevede che saranno diversi, tra addetti ai lavori e operatori della stampa specializzata, italiana e straniera, ad affollare lo stand – situato in posizione strategica presso il Centro Servizi della Fiera di Bologna – all'interno del quale verranno esposte le ultime produzioni italiane; destinate ai tradizionali utilizzi interni, ma sempre più anche alla pavimentazione di grandi superfici esterne, grazie alla modularità dei formati e all'evoluzione tecnologica sempre più spiccata dei materiali.
All'interno dello stand, inoltre, è attivo un punto informativo per i visitatori, che potranno così trovare notizie e informazioni tecniche sull’industria italiana delle piastrelle di ceramica. Innovazione tecnologica e cultura del costruire sono un binomio inscindibile di SAIE, che riunisce oltre 1700 aziende, che espongono i loro prodotti e sistemi ad oltre 180 mila operatori del settore.
Obiettivo: discutere e confrontarsi sulle soluzioni progettuali e tecnologiche per costruire il futuro. Con un'attenzione particolare, in questa edizione, al risparmio energetico e alle tecnologie   di protezione dal rischio sismico. SAIE dedica  infatti  uno spazio all'innovazione e alla ricerca, attraverso le collaborazioni storiche tra BolognaFiere e istituzioni culturali e scientifiche quali il laboratorio ArTec dell'Università IUAV, Material ConneXion, il CRESME e le maggiori Associazioni di Categoria. 
Tra i convegni e le manifestazioni da segnalare, presso il Centro Servizi, una mostra dove i giovani progettisti  espongono i loro lavori nell'ambito di un concorso internazionale a livello europeo per giovani architetti  e studenti per un concept di soluzione abitativa a basso costo e a ridotto consumo energetico, dal titolo "Low Cost&Low Energy sustainable housing "in collaborazione con il portale europeo ArchiEurope ed Edilio.
“Tecnologie per la protezione dal rischio sismico: strategie e prospettive” è il titolo di un focus che – attraverso una mostra organizzata con l'Università degli Studi di Bologna Dipartimento DISTART Facoltà di Ingegneria – mostrerà metodi, tecniche e sistemi per la realizzazione di costruzioni sismo resistenti, per la riparazione di edifici danneggiati dal sisma e per il miglioramento delle prestazioni offerte dagli edifici esistenti