Terre e miscele di aggregati sciolti per le costruzioni: nuovo progetto UNI in inchiesta preliminare

A cura di:

Il 30 agosto è stato sottoposto alla fase di inchiesta preliminare -fino al 14 settembre prossimo- un nuovo progetto di norma UNI sul quale si vogliono avviare specifici lavori normativi (consulta la nostra banca dati).
Fino al 14 settembre infatti, attraverso l’apposito modulo online, UNI raccoglie indicazioni e commenti delle parti interessate in modo da valutare preventivamente l’interesse del mercato su tale proposta normativa e raccogliere attorno al progetto che si intende avviare il più vasto e rappresentativo numero di stakeholder interessati.
La commissione “Costruzioni stradali ed opere civili delle infrastrutture” intende sviluppare una nuova norma nazionale in tema di materiali per costruzioni, in particolare su terre e miscele di aggregati sciolti.
La futura norma vuole fornire istruzioni utili per l’applicazione in Italia delle UNI EN ISO 14688, UNI EN 13242, UNI EN 13285 e ragguagli sulla classificazione di tali materiali, indicando valori di riferimento per le caratteristiche tecniche in relazione a ciascuna destinazione d’impiego.
La norma si configura come la nuova versione della UNI 10006:2002, ritirata nel marzo del 2004: un ritiro che ha lasciato sostanzialmente un vuoto normativo in materia.

Ricordiamo che l’inchiesta pubblica preliminare serve per vagliare preventivamente le concrete esigenze del mercato e verificare se è possibile avviare in maniera utile ed efficace i lavori di normazione, perché lo sviluppo di una norma deve aver luogo solo di fronte a un reale beneficio e individuando tutti i soggetti significativi degli interessi in gioco.

Vi ricordiamo inoltre che i commenti si raccolgono sulla banca dati dei “Progetti in inchiesta pubblica preliminare” all’indirizzo www.uni.com dove, dalla maschera di ricerca, è possibile accedere alla scheda di ogni singolo progetto con maggiori informazioni di dettaglio

.