Milano, uffici multi-tenant in piazzale Lodi

A cura di:

L’antico edificio dei primi del Novecento, nato come sede della Tibb, è stato recentemente ristrutturato e rifunzionalizzato con un progetto di Beretta Associati e Degw, brand di Lombardini22. 17 mila metri quadrati di superficie cambiano faccia e diventano uffici multi-tenant in una zona interessata da importanti processi di trasformazione urbana

a cura di Pietro Mezzi

Il nuovo ingresso dell’edificio dell’ex Tibb a Milano

Indice degli argomenti:

È stato da poco consegnato l’edificio per uffici di piazzale Lodi 3 a Milano. Si tratta di un intervento di ristrutturazione e rifunzionalizzazione per una superficie commerciale di oltre 17mila metri quadrati firmato dallo studio Beretta Associati, su incarico di Kryalos Sgr, Fondo immobiliare All Star, con la consulenza del gruppo Lombardini22 per l’interior design e la progettazione impiantistica.

L’intervento su un edificio storico

Quella dell’immobile di piazzale Lodi 3 e via Sannino è la storia di una evoluzione continua: stiamo parlando di un edificio collocato in un punto nevralgico della città interessato da importanti interventi di rigenerazione urbana (non distante vi è l’area dell’ex scalo ferroviario di Porta Romana oggetto di un importante intervento di trasformazione urbanistica; nda).

L’edificio dell’ex Tibb di piazzale Lodi a Milano
L’edificio dell’ex Tibb di piazzale Lodi a Milano

L’edificio rappresenta uno dei grandi tasselli della storia industriale milanese e della sua progressiva trasformazione in metropoli dei servizi. La costruzione dell’immobile risale infatti ai primi del ’900, nato come sede della storica Tibb, la Tecnomasio Italiano Brown Boveri; negli anni l’edificio è stato interessato da diversi interventi di ristrutturazione, ampliamento, recupero e riqualificazione, l’ultimo dei quali completato nel 2009 dallo stesso studio Beretta Associati per la realizzazione della sede di Allianz.

L’edificio dell’ex Tibb di piazzale Lodi a Milano

Il recente intervento di ristrutturazione, iniziato nel 2018 e appena concluso, è sempre frutto del lavoro dello studio milanese Beretta Associati e Degw, brand del gruppo Lombardini22, e non investe solo l’architettura, ma anche la relazione tra l’edificio e lo spazio pubblico che lo circonda, sia in piazzale Lodi che in via Sannio.

Edificio per uffici multi-tenant

Il nuovo progetto ha modificato l’immobile al fine di renderlo un edificio per uffici multi-tenant. L’intervento ha così voluto valorizzare l’articolazione del complesso, costituito da tre corpi di fabbrica collegati tra loro, rifunzionalizzandola in favore di una maggiore flessibilità e autonomia dei vari spazi per ufficio. È stato creato un nuovo atrio d’ingresso su via Sannio, caratterizzato da un volume vetrato a doppia altezza e da una pensilina in cristallo. È stato riqualificato l’ingresso principale su piazzale Lodi, valorizzato nella sua storicità sottolineandone gli elementi salienti come la coppia di colonne centrali e calibrando su di essi le scelte materiche e cromatiche delle superfici interne, caratterizzate da travertino fresato a tutta altezza, stucco a gesso, pavimenti in marmo.

Il nuovo ingresso dell’edificio dell’ex Tibb a Milano

I collegamenti verticali e gli accessi multipli sono stati ottimizzati in funzione dei possibili frazionamenti. Inoltre, il miglioramento degli accessi e dei collegamenti dello stabile è integrato dall’intervento sul passaggio coperto al piano terzo del corpo su via Sannio (attraverso un nuovo controsoffitto ritmato da lamelle con illuminazione e impianti integrati e il miglioramento delle prestazioni termiche) e dalla valorizzazione del terrazzo.

Ingresso dell’edificio dell’ex Tibb a Milano in via Sannio

L’androne, che nel vecchio sito industriale era dedicato all’ingresso dipendenti, è stato trasformato in un’ampia e luminosa sala meeting completamente vetrata. Grande attenzione è stata rivolta al miglioramento degli spazi comuni che includono ampi rooftop e aree relax.

La nuova illuminazione delle facciate completa gli interventi di riqualificazione dello stabile.