Progettazione delle strutture in acciaio

A cura di:

Acai e Ordine degli Ingegneri di Agrigento organizzano per il prossimo Venerdì 1 luglio, un corso di aggiornamento sulla “Progettazione delle strutture in acciaio”.
Il seminario si propone di fornire un quadro aggiornato sulle potenzialità delle strutture in acciaio, la cui attualità è stata valorizzata dalle Norme Tecniche per le Costruzioni del 2008.
Le norme fanno riferimento all’Eurocodice 3 e prevedono di adottare anche acciai ad alta resistenza e tipologie strutturali innovative. Sono sviluppate le verifiche di resistenza, i criteri di progettazione delle unioni e i dettagli esecutivi di officina. Inoltre, sono affrontati i problemi della protezione al fuoco e della resistenza alla corrosione dell’acciaio, responsabile della durabilità. Interverranno Vincenzo Di Rosa, presidente dell’ Ordine Ingegneri Agrigento; Giancarlo Coracina, presidente Di Acai; Domenico Armenio, ingegnere capo del Genio Civile di Agrigento, Gianluigi Di Marco, sui “Criteri di progettazione”, Elio Lo Giudice: sulle “ Prove di laboratorio ed in situ”, Nunzio Scibilia, docente di Tecnica delle Costruzione della Facoltà di Ingegneria dell’Università di Palermo Che relazionerà su “ Tipologie strutturali per edifici multipiano in zona sismica, dimensionamento e verifica dei nodi”, Pier Francesco Paglini Project Manager della “Società Empedocle” che terrà la relazione sui “Ponti in sistema misto acciaio-calcestruzzo della S.S. 640”.
Seguiranno gli interventi pomeridiani di Giuseppe Campione docente di Tecnica delle Costruzioni della Facoltà di Ingegneria dell’Università di Palermo, che parlerà delle “Verifiche di resistenza e stabilità”, di Giuseppe Gaeta che terrà la relazione su “Progettazione esecutiva disegni esecutivi di officina”, di Giovanni Bellomia, comandante dei Vigili del fuoco di Ragusa, che discuterà di “Protezione antincendio nelle strutture di acciaio”, di Carmine Ricciolino Direttore Tecnico Aiz, che parlerà della “Durabilità e protezione dell’acciaio con zincatura a caldo.”