CarraraMarmotec 2007 sempre più internazionale

A cura di:

Numeri importanti per CarraraMarmotec, appuntamento internazionale per il marmo e le tecnologie: 19.650 operatori professionali fra i quali 4.075 stranieri (+3%) provenienti da 93 paesi con 426 espositori diretti, di cui 82 stranieri da 28 paesi (+20%) su una superficie complessiva di circa 40.000 metri quadrati.
“Siamo soddisfatti perché questa edizione ha confermato la tendenza positiva dell’export di marmi e graniti che hanno dato fiducia alle aziende italiane e mantengono il comparto come punto di riferimento forte e credibile a livello internazionale. Proprio a questo aspetto – commenta il presidente di CarraraFiere Giancarlo Tonini – ritengo si debba collegare l’aumento delle presenze di operatori stranieri verso i quali abbiamo fatto una promozione mirata ed una comunicazione molto intensa. Una manifestazione per operatori specializzati ed un punto di incontro mondiale. Lo hanno capito le aziende italiane che hanno proposto il meglio dei materiali e prodotti, presentando innovazioni molto interessanti con uno sforzo che dimostra la crescita qualitativa del settore. Continueremo a puntare sulla qualità, perché i fatti dimostrano che è la scelta giusta.”
Il 52% degli operatori italiani che hanno visitato CarraraMarmotec proveniva dalle regioni del centro, il 33% dall’Italia del Nord ed il restante 15% (in aumento rispetto al passato) dal sud e dalle isole. In aumento i visitatori che venivano da Lazio, Sardegna, Sicilia e Campania, in flessione la presenza di toscani e veneti, comunque sempre su cifre assolute molto elevate.
I visitatori stranieri provenivano per 53,4% dall’Europa, per il 13,8% dall’Africa (in aumento), per il 12,3% dall’America (in aumento) mentre il 13% venivano dall’estremo Oriente e il 7% dal Medio oriente.
La crescita delle presenze straniere, sia di espositori sia di visitatori, è il frutto dell’attività di promozione della fiera realizzata in tutto il mondo coinvolgendo operatori ed associazioni di categoria, partecipando a fiere e conferenze internazionali o organizzando seminari tecnici: iniziative svolte in tutto il mondo che hanno permesso portato migliaia di contatti selezionati.
Sono aumentate le presenze in fiera di operatori di aree in espansione come il Centro e Sud America e l’Africa Mediterranea oltre che dall’area del Golfo e dall’Europa dell’est.
Le statistiche dei singoli paesi mostrano un aumento molto forte di operatori dalla penisola iberica (spagnoli +100%, seguiti dai portoghesi) ma anche di quelli che provenivano da Cina, Finlandia, India, Turchia, Iran, Giappone e Russia. In leggero calo gli operatori statunitensi ed i tedeschi, leggera flessione anche per i francesi.
L’edizione 2007 della fiera si è inserita in un contesto di crescita del comparto italiano che nel 2006 ha esportato 3 milioni e 239mila tonnellate di marmi e graniti grezzi e lavorati, per un valore di 1 miliardo e 825 milioni di euro. Nelle voci di maggiore importanza, vale a dire i grezzi e i lavorati di qualità, si riscontra un aumento del +4,43% nelle quantità e del +7,58% nei valori con una tendenza confermata anche nei primi mesi del 2007.
Il 2006 è stato un anno “storico” per il settore mondiale della pietra che, per la prima volta, ha superato i cento milioni di tonnellate estratte in tutto il mondo come annunciato durante la presentazione di Stone Sector, il volume di statistiche pubblicato ogni anno in occasione di CarraraMarmotec.
Dopo una fase di difficoltà “le aziende hanno investito per ristrutturare l’apparato produttivo e si sono presentate, a Carrara e sui mercati, più competitive – commenta Paris Mazzanti, direttore di CarraraFiere – con nuovi prodotti che attirano l’attenzione di progettisti ed utenza finale e ci permettono di affermare che il nostro progetto di fare di CarraraMarmotec la fiera di eccellenza per il lapideo e le tecnologie e appuntamento di formazione e informazione per gli operatori ed i tecnici di tutto il mondo si conferma valido ed attuabile. È stata un’edizione senz’altro positiva e stiamo già lavorando per pianificare gli eventi promozionali che faranno conoscere meglio la nostra fiera in tutto il mondo”.
CarraraMarmotec, come è tradizione, è stata ancora un “evento” a tutto campo grazie ad un programma di iniziative e mostre ma anche a convegni ai quali hanno partecipato i grandi dell’architettura ma anche ricercatori e tecnici che hanno approfondito i temi più urgenti.
Fra le iniziative più seguite l’incontro con Hans Kolhoff, un protagonista dell’architettura contemporanea) che ha tenuto una conferenza su Marmi e Pietre nell’opera d’autore il seminario tecnico Pietre che fanno architettura realizzato in occasione della premiazione dei progettisti che hanno vinto il premio di architettura MAA 2007.
Esempio dell’impegno di Carrara per modernizzare e rendere competitivo il settore la realizzazione di un’area “R4ST – Research for Stone and Tecnology” che ospitava proposte di innovazione da parte di centri di ricerca e università e la Guida alla Marcatura CE, mentre fra gli eventi legati alla cultura ed alla storia del marmo ha avuto grande successo di partecipazione la presentazione del volume “Ante et Post Lunam – L’evo medio” una raccolta di studi sull’impiego del marmo nel medioevo.
Va in archivio un’edizione positiva che getta le basi per un’ulteriore successo: l’appuntamento per tutti è a CarraraMarmotec 2008, in programma dal 28 al 31 maggio.

Per ulteriori informazioni
www.carraramarmotec.com

CarraraMarmotec
Carrara 30 maggio – 2 giugno 2007