Appalti e contrattualistica pubblica

A cura di:

Dopo quasi tre anni di lavori ed un complesso iter legislativo, si è giunti nel marzo 2004 all’approvazione definitiva di due direttive comunitarie che ridefiniscono l’assetto normativo degli appalti pubblici: la Direttiva. n. 2004/18/CE, relativa al coordinamento delle procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici di forniture, di servizi e di lavori, e la Direttiva n. 2004/17/CE
che coordina le procedure di appalto degli enti erogatori di acqua, di energie e degli enti che forniscono servizi di trasporto.
L’obiettivo perseguito dalle nuove direttive è quello di aggiornamento, semplificazione e flessibilità del settore degli appalti, apportando a tal fine sostanziali modifiche ad alcuni aspetti della disciplina emersi sia da consolidati orientamenti giurisprudenziali che dalla più recente evoluzione normativa, ed assumendo le stesse direttive la forma di veri “testi unici” della materia, con indiscutibili vantaggi in termini di razionalizzazione e certezza normativa, ma con inevitabili problematiche implicazioni sul versante del coordinamento con la disciplina nazionale vigente e con la potestà normativa regionale dopo la riforma del titolo V della Costituzione.
In attuazione della delega contenuta nella legge 62/2005, le direttive sono in corso di recepimento nel “Codice dei contratti pubblici”, di imminente approvazione, al quale si farà riferimento con riguardo alle disposizioni della direttiva 2004/18, entrata in vigore comunque dal I febbraio 2006.

Il Convegno nazionale, organizzato da Appalti&Contratti, previsto a Bologna, il 22 febbraio 2006, grazie alla presenza di autorevoli esperti del settore, vuole costituire un’importante occasione di confronto e di approfondimento, non solo teorico, delle più significative innovazioni introdotte dalla direttiva 2004/18 nella gestione della contrattualistica pubblica “classica”, evidenziando le numerose criticità applicative e le principali questioni tuttora aperte: dal controverso istituto dell’avvalimento dei requisiti di terzi, alla figura della concessione di servizi e lavori, dalle innovative procedure dell’accordo quadro e del dialogo competitivo, all’evoluzione dell’e-procurement nella P.a (asta elettronica e sistemi dinamici di acquisizione), dalle novità nella gestione operativa della gara sopra soglia, fino alla problematica della rinnovabilità dei contratti.

Per Consultare il Programma completo del Convegno Nazionale sugli Appalti Pubblici
www.convegni.maggioli.it/appalti-contratti/prima.htm