Premio Europeo Ugo Rivolta: proclamato il vincitore

A cura di:

La Giuria del Premio Europeo di architettura Ugo Rivolta, presieduta dall’Arch. Carlo Melograni si è riunita giovedi 17 Gennaio per valutare tutti i progetti passati alla seconda fase, sui quali si svolge un approfondito esame e confronto di pareri, dandone valutazioni basate sui criteri già adottati nella fase precedente di selezione del Premio: pertinenza delle opere rispetto al contesto, rapporto tra la residenza e le funzioni ad essa correlate, sostenibilità ecologica e sociale.
La Giuria – con 4 voti favorevoli ed un astenuto – decide di assegnare il Premio Europeo di Architettura Ugo Rivolta al progetto numero 25, Edificio per case popolari a Rota, Cadice (Spagna) di Guillermo Vàzquez Consuegra, per la qualità architettonica, la buona definizione spaziale – pur nella semplicità formale e costruttiva – e per la buona risoluzione del rapporto tra spazio privato e pubblico.
La Giuria ritiene inoltre meritevoli di segnalazioni, in particolare per aspetti specifici, i seguenti interventi:
01 – centrum.odorf Innsbruck (Austria) degli Architetti Froetscher Lichtenwagner per la riuscita integrazione tra le residenze e i numerosi servizi di vario tipo, con iniziative che sarebbe auspicabile sollecitare da parte degli enti committenti.
16 – Case per anziani a Castenedolo (BS) degli Architetti Botticini e Goffi per l’opportuna ripresa e rielaborazione del tipo edilizio della casa a patio che dopo ricerche ed esperienze anticipatrici compiute in Italia, ha avuto maggiore diffusione all’estero.
21 – Alloggi e servizi per anziani a Collebeato (BS) degli Architetti Bianchetti, Greppi e Dassa per la risoluzione dell’inserimento nel contesto, che presentava notevoli difficoltà, sia per il suo carattere suburbano, che per la morfologia del suolo destinato all’intervento.

La Segreteria organizzativa del Premio è ora impegnata nella produzione del libro contenente tutti i progetti ed edito da Rcs Segesta e nell’organizzazione della mostra dei progetti che verrà presentata a Torino al XXIII Congresso UIA. (Fonte www.ordinearchitetti.mi.it)