Luci di pubblica piazza

A cura di:

On. Luci di pubblica piazza, torna anche quest’anno a illuminare la città.
Attraverso la realizzazione di opere luminose On mira a far luce sul buio, stimolando la visione di spazisommersi, frammenti di terra che possono essere visti, ascoltati e vissuti con una percezione del tuttonuova rispetto a quella che abitualmente siamo soliti avere.
La luce resta dunque il mezzo principale con cui assecondare lo sguardo, la visione e l’ascolto.
E ci guida a ripercorrere le dimensioni di un luogo aiutandoci a riconoscerlo, a farlo più nostro.
Dopo l’esperienza maturata in questi due anni di lavoro On prosegue la sua attività allargando la suaricerca e spingendosi con uno sguardo più ampio e diversificato oltre i confini della zona universitaria.
Siamo partiti da lì, da piazza Verdi, un luogo che più volte e da più punti di vista è stato indagato perlustrato e smantellato dagli artisti invitati, in tutte le sue rappresentazioni, per restituirsi ai cittadini
con forme ed esperienze sempre diverse.
Oggi On guarda a Bologna come ad una città di piazze, di luoghi simbolici, di percorsi emappature che caratterizzano non soltanto la sua struttura urbanistica ed architettonica, ma piùsimbolicamente la sua dimensione umana e civile.
Tre luoghi, tre sguardi, tre accensioni, che come una costellazione, delineano una traiettoria per guidarci lungo un percorso ideale.
Piazza Verdi
Piazza Verdi ha una natura complessa, globalizzata e multiculturale.
La piazza darà la sensazione di un interno, un grande salone a cielo aperto con un lampadario circolare
in formato gigante al centro che, come una luce domestica, illuminerà tutta la piazza.
L’installazione è ideata dal collettivo ZimmerFrei.
Fino al 31 gennaio 2010
Piazza VIII agosto
La piazza del mercato di Bologna è per la maggior parte del tempo un immenso spazio aperto surreale,
finché non si trasforma settimanalmente in affollatissimo bazar contemporaneo.
Un nuovo satellite apparirà sospeso nell’aria. Sopra al misterioso parallelepipedo nero che campeggia
nella piazza di sapore kubrickiano orbiterà un piccolo pianeta che riflette la luce solare di giorno e
proietta un’ombra lunare di notte.
L’installazione è realizzata da Nikola Uzunovski, artista che harappresentato il padiglione macedone alla 53. Biennale di Venezia.
Il giorno dell’inaugurazione è prevista la sonorizzazione della piazza da parte di AURIGA che riunisce
musicisti e artisti in luoghi e formazioni sempre diverse.
Fino al 31 gennaio 2010
Piazza Liber Paradisus – Nuovo Comune
Piazza Liber Paradisus è una piazza nuova con un’identità ancora in costruzione.
Un evento performativo in occasione della Notte Bianca di Art First/Arte Fiera presso la sede del Nuovo Comune di Bologna, realizzato in collaborazione con DUC Bologna spa.
Una sorta di incendio pirotecnico sul tetto dell’edificio del Nuovo Comune, utilizzando la luce dei fuochi di segnalazione a mano. La performance è una coreografia luminosa composta con tutte le luci del palazzo che si spengono progressivamente: le luci degli uffici, dei corridoi accesi che filtrano dalle finestre, le luci dei vialetti, dei negozi, i lampioni.
Quando l’isolato sarà immerso nel buio più totale, ai piedi di un immenso iceberg di vetro nero, la sommità dell’edificio si accenderà di giallo e di rosso, trasformandosi in un corpo di luce incandescente visibile fino a grande distanza, da diverse prospettive.
L’intervento è realizzato da Giorgio Andreotta Calò.
Data: 30 gennaio 2010 ore 19.00
On è realizzato col contributo di Comune di Bologna Progetto gAP (Giovani per l’arte pubblica); Assessorato allaCultura Regione Emilia Romagna e Fondazione del Monte; è sponsorizzato da Newco Duc Bologna spa assieme ad ASCOM; è patrocinato da MAMbo, Quartiere San Vitale e Quartiere Navile; è parte di Arte Fiera Off

 
LUCI DI PUBBLICA PIAZZA
III edizione
un progetto di ZimmerFrei
a cura di Martina Angelotti, Anna de Manincorfino al  31 gennaio 2010