EDILIZIA al centro del nuovo Decreto Sviluppo

A cura di:

E’ stato approvato ieri pomeriggio, dal Consiglio dei Ministri, il decreto-legge che prevede “Misure diverse finalizzate allo sviluppo e al rilancio dell’economia”.
Parecchie le novità che riguardano il mondo dell’edilizia.
Intanto si potrà procedre senza gara di appalto all’esecuzione di opere pubbliche fino a un milione di euro.
Peraltro i lavori potranno essere affidati direttamente dal responsabile del procedimento.
Per lavori superiori a 500mila euro, l’invito dovrà essere preventivamente rivolto, ad almeno dieci soggetti e, per lavori inferiori a 500mila euro, ad almeno cinque.
Il prezzo dei singoli materiali di costruzione, potrà variare rispetto al prezzo rilevato dal Ministero.
Per quanto concerne il Piano Casa, vengono riaperti i termini per i piani regionali incentivando la “demolizione e ricostruzione” con libertà di sagoma, e viene introdotto un premio di volumetria del 10% per gli edifici non-residenziali
Introdotto, poi, il silenzio-assenso sulla richiesta di permesso di costruire, la cui durata cambia a secondo dei comuni.
Il termine sarà di 90 giorni per i comuni con meno di 100 mila abitanti, e di 150 negli altri comuni.

A seguire l’intero report della seduta
Consiglio dei Ministri n.138 del 05/05/2011
La Presidenza del Consiglio dei Ministri comunica
Il Consiglio dei Ministri si è riunito oggi, alle ore 9.30 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente, Silvio Berlusconi.

Segretario, il Sottosegretario di Stato alla Presidenza, Gianni Letta.

Il Presidente Berlusconi ha annunciato la sua intenzione di nominare i seguenti Sottosegretari di Stato:

al Ministero delle infrastrutture e trasporti: on. Aurelio Salvatore MISITI;

al Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali: on.Roberto ROSSO;

al Ministero del lavoro e politiche sociali: on.Luca BELLOTTI;

al Ministero dello sviluppo economico: on. Daniela MELCHIORRE e on. Catia POLIDORI;

al Ministero dell’economia e finanze: on. Bruno CESARIO e sen. Antonio GENTILE:

al Ministero dell’ambiente: on. Giampiero CATONE;

al Ministero per i beni e le attività culturali: sen. Riccardo VILLARI.

L’avv. Sonia VIALE, già Sottosegretario all’economia e finanze, diventa Sottosegretario all’Interno.

Il Consiglio ha condiviso l’iniziativa del Presidente.

Il Consiglio ha poi approvato, su proposta del Presidente Berlusconi e del Ministro Tremonti, un decreto-legge che prevede misure diverse finalizzate allo sviluppo e al rilancio dell’economia. Il decreto contiene disposizioni nelle seguenti materie:

– riconoscimento di un credito d’imposta in favore delle imprese che investono in ricerca scientifica;

– riconoscimento di un credito d’imposta per incentivare l’assunzione a tempo indeterminato di lavoratori svantaggiati nel Mezzogiorno;

– istituzione nei territori costieri dei distretti turistico-alberghieri per rilanciare l’offerta turistica nazionale;

– semplificazioni procedurali per accelerare la realizzazione delle opere pubbliche anche d’interesse strategico nazionale (grandi opere);

– interventi per il rilancio dell’edilizia privata con varo di un nuovo “piano casa”;

– riduzione degli oneri burocratici, anche concernenti la normativa sulla privacy;

– numerosi interventi di semplificazione fiscale in favore di imprese e cittadini;

– semplificazione e rilancio delle attività imprenditoriali, con particolare riguardo al settore del credito;

– fondo per il merito nel sistema universitario;

– piano triennale per l’immissione in ruolo del personale della scuola;

– istituzione dell’Agenzia nazionale per la regolazione e la vigilanza in materia di acqua, organismo indipendente a tutela dei cittadini utenti, con compiti di regolazione del mercato nel settore delle acque pubbliche e di gestione del servizio pubblico locale idrico integrato;

– misure per garantire l’operatività del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco.

Il Consiglio ha poi approvato i seguenti provvedimenti:

su proposta del Presidente del Consiglio, del Ministro del turismo, Brambilla, del Ministro per la semplificazione normativa, Calderoli e del Ministro dello sviluppo economico, Romani:

– un decreto legislativo che contiene disposizioni normative tese ad aggiornare la materia del turismo, alla luce dell’evoluzione del settore, della riforma del Titolo V della Costituzione e delle recenti pronuncie della Corte costituzionale. Gli obiettivi del riordino sono: assicurare la ripartizione degli interventi pubblici per settori omogenei; adeguare la normativa vigente agli obblighi derivanti dal diritto internazionale e dell’Unione europea, riordinando le norme già oggetto di adattamento o recepimento; revisionare l’attuale assetto pubblico dell’organizzazione turistica, garantendo una moderna regolazione del mercato del settore in linea con le legislazioni europee, in particolare implementando i profili di tutela dei diritti e degli interessi dei consumatori e degli operatori; modernizzare l’erogazione dell’offerta turistica attraverso l’adeguamento della disciplina vigente alle migliori tecnologie informatiche, di sicurezza e di tutela ambientale, al fine di scongiurare eventuali effetti negativi sulla concorrenza; prevedere incentivi e sostegni mirati per le piccole e medie imprese turistiche; garantire un’azione di revisione normativa ispirata alla semplificazione amministrativa, per agevolare e sostenere le attività imprenditoriali valorizzando la funzione turistica e tutelando, nel contempo gli interessi pubblici e privati coinvolti. Sono in particolare oggetto di riordino il rilascio dei provvedimenti concessori ed autorizzatori, compresi i procedimenti per la realizzazione di porti turistici e pontili, l’esercizio dell’attività edilizia destinata agli scopi turistici, nonché il coordinamento dei relativi aspetti finanziari e fiscali. Il codice ha ricevuto i pareri del Consiglio di Stato, della Conferenza unificata e delle Commissioni parlamentari;

su proposta del Ministro dell’economia e delle finanze, Tremonti:

– un disegno di legge per l’accoglimento di talune modifiche allo statuto del Fondo monetario internazionale, deliberate dal Consiglio dei Governatori, con gli obiettivi di rafforzare la presenza dei Paesi emergenti o in via di sviluppo nel Consiglio di Amministrazione del Fondo e la previsione dell’aumento della quota di partecipazione dell’Italia, in coerenza con l’accresciuta importanza economica del Paese. Il FMI, come noto,è stato istituito dalla Conferenza monetaria e finanziaria di Bretton Woods nel 1944 (l’Italia ne divenne componente tre anni dopo) per promuovere la cooperazione monetaria internazionale, facilitare l’espansione del commercio mondiale, contribuire al raggiungimento di alti livelli di occupazione e di reddito; la sua importanza è cresciuta con gli anni ed oggi svolge la delicatissima ed essenziale funzione di assicurare che le politiche economiche degli Stati membri siano compatibili con l’esigenza di mantenere l’equilibrio del sistema monetario internazionale;

su proposta del Ministro degli affari esteri, Frattini:

– un disegno di legge per la ratifica e l’esecuzione dell’Accordo tra l’Unione europea e la Giordania in materia di trasporto aereo;

su proposta del Ministro per i beni e le attività culturali, Galan:

– un regolamento che determina i criteri in base ai quali può essere riconosciuta una forma organizzativa speciale alle Fondazioni lirico-sinfoniche: ruolo peculiare e rilevanza nel contesto internazionale, capacità produttiva eccezionale, ricavi propri e significativo apporto finanziario da parte di soggetti privati. Il provvedimento ha ricevuto il parere della Conferenza unificata e del Consiglio di Stato;

su proposta del Ministro dell’interno, Maroni,

– un regolamento che migliora la concreta operatività delle disposizioni che regolano il Fondo di rotazione per la solidarietà alle vittime dei reati di tipo mafioso, per ottenere maggiore efficacia, certezza ed economicità delle procedure di risarcimento alle vittime. Sul provvedimento sono stati acquisiti i pareri del Consiglio di Stato e delle Commissioni parlamentari, nonché del Garante per la protezione dei dati personali;

su proposta del Ministro del lavoro, Sacconi:

– uno schema di regolamento che reca misure di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori che svolgano attività in luoghi caratterizzati da un rischio infortunistico particolarmente elevato, quali silos, cisterne, cunicoli e simili, ambienti nei quali – negli ultimi anni – si sono avuti infortuni sul lavoro particolarmente gravi e con dinamiche infortunistiche ripetitive e drammatiche, pure in presenza di un norme specifiche; sul testo verrà acquisito il parere del Consiglio di Stato e della Conferenza Stato-Regioni;

– uno schema di decreto legislativo che attua la delega conferita al Governo dalla legge in materia di previdenza, lavoro e competitività per favorire la crescita (legge n.247 del 2007), disciplinando l’apprendistato quale contratto di lavoro a tempo indeterminato, finalizzato all’occupazione e alla formazione dei giovani. Sul testo verrà sancita l’intesa in Conferenza Stato-Regioni e acquisito il parere delle Commissioni parlamentari;

su proposta del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, Gelmini:

– uno schema di regolamento che dà attuazione alla riforma universitaria nella parte che riguarda il trattamento economico dei professori e dei ricercatori universitari, con il criterio (già enunciato nella riforma stessa) della trasformazione da biennale a triennale della progressione economica, con invarianza complessiva e decorrenza dal primo scatto successivo a quello in corso alla data di entrata in vigore della legge di riforma. La progressione economica dei professori universitari di prima e di seconda fascia, è basata su procedure valutative e non automatiche. Sul testo verranno acquisiti i pareri del Consiglio di Stato e delle Commissioni parlamentari.

Il disegno di legge su proposta del Ministro dell’ambiente in materia di divieto di commercializzazione di sacchetti di plastica verrà esaminato in una prossima seduta del Consiglio.

Il Consiglio ha poi approvato uno schema di decreto legislativo che definisce le sanzioni per le violazioni delle disposizioni contenute nei Regolamenti europei 1234/2007 e 543/2008 in materia di commercializzazione di carni da pollame. Sul testo verranno acquisiti i pareri della Conferenza Stato-Regioni e delle Commissioni parlamentari.

E’ stato esaminato e definitivamente approvato, a seguito del parere espresso dal Consiglio di Stato, il decreto del Presidente del Consiglio che individua i procedimenti di competenza del Ministero dell’economia e delle finanze (ed Enti collegati), la cui durata può eccedere i 90 giorni generalmente previsti.

Il Consiglio ha preso atto della volontà espressa dagli organi politico-elettivi del Comune di Magliano Sabina di recedere dalla decisione di promuovere le iniziative finalizzate al distacco del Comune dal Lazio per l’aggregazione alla Regione Umbria ed ha pertanto revocato, su proposta del Ministro dell’interno, Maroni, la consultazione referendaria già indetta per i giorni 15 e 16 maggio prossimi.

Sono stati inoltre prorogati due stati d’emergenza già dichiarati; il primo per lo svolgimento delle attività di bonifica delle discariche A e B del sito di interesse nazionale ex area SISAS nei comuni di Pioltello e Rodano, in provincia di Milano, il secondo per gli eccezionali eventi atmosferici in Piemonte, nelle province di Piacenza e Pavia, nei comunie di Lodi e Parma, nonché nelle province di Ferrara, Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini.

Il Consiglio ha avviato l’esame del decreto-legge che attribuisce un indennizzo straordinario per le persone danneggiate da trasfusioni, somministrazione di emoderivati e vaccinazioni obbligatorie. L’esame proseguirà in una prossima seduta.

Il Consiglio ha poi approvato, su proposta del Presidente del Consiglio, uno schema di regolamento che riduce il numero dei componenti degli organi di amministrazione dell’Istituto per il credito sportivo, in coerenza con quanto previsto dal decreto-legge n.78 del 2010.

E’ stato approvato, su proposta del Presidente Berlusconi e dei Ministri Brunetta, Maroni e Tremonti, l’accordo sindacale per il personale della carriera prefettizia relativo al biennio 2008-2009.

I Ministri Romani e Prestigiacomo hanno illustrato i contenuti del decreto interministeriale che disciplina il nuovo regime di programmazione degli incentivi per il settore fotovoltaico. Il provvedimento prevede una razionalizzazione del sistema degli incentivi e introduce strumenti di premialità per lo sviluppo della filiera produttiva italiana.

Infine il Consiglio ha deliberato:

– su proposta del Ministro dell’economia e delle finanze, Tremonti, il dottor Mario CANZIO è stato confermato nella funzione di Ragioniere generale dello Stato; analoga conferma ha ricevuto il professor Vittorio GRILLI nel ruolo di Direttore generale del tesoro e la dottoressa Fabrizia LAPECORELLA quale Direttore generale delle finanze. Per la conferma del dottor Attilio BEFERA a Direttore generale dell’Agenzia delle entrate è stata avviata la procedura, in vista del prescritto parere delle Commissioni parlamentari;

– su proposta del Ministro dello sviluppo economico, Romani, l’avvio della procedura per la nomina del consigliere Carlo DEODATO, dell’avvocato Francesco SORO e del dottor Giovanni BRUNO, rispettivamente, a Presidente e componenti del Collegio presso l’Agenzia nazionale di regolamentazione del settore postale.

Il Consiglio ha altresì esaminato talune leggi regionali ai sensi dell’art. 127 della Costituzione.