Torna a peggiorare la fiducia delle imprese

A cura di:

Il deterioramento del clima generale e’ causato essenzialmente da un peggioramento del settore dell’edilizia (comprendente l’edilizia residenziale e quella non residenziale), dove l’indice di fiducia subisce una brusca diminuzione, mentre nel settore delle opere non edificatorie l’indicatore registra un lieve miglioramento.
Secondo l’inchiesta condotta dall’Isae su un panel di circa 500 imprese, ad aprile il clima di fiducia delle imprese di costruzione torna a peggiorare: si deteriorano sia i giudizi sui piani di costruzione sia, in modo più marcato, le prospettive sull’occupazione.
Il deterioramento segnalato dall’indice di fiducia e’ confermato anche dalle altre variabili rilevate: peggiorano sia i giudizi sull’attività corrente sia le aspettative sui piani di costruzione; risulta ancora in calo, per il terzo mese consecutivo, il saldo delle previsioni sui prezzi praticati nel settore, che continua a rimanere su valori storicamente bassi.
Il numero di imprenditori che non trova ostacoli limitanti l’attività di costruzione rimane tuttavia invariato rispetto al mese scorso e, tra coloro che dichiarano di averne trovati, diminuisce la percentuale di quelli che ritengono l’insufficienza di domanda quale ostacolo principale allo svolgimento dell’attività.
Continuano a peggiorare, per il secondo mese consecutivo, i giudizi sui piani di costruzione; anche il saldo dei giudizi sull’attività di costruzione peggiora nuovamente. Rimane sostanzialmente stabile il numero di imprese che non trova ostacoli limitanti l’attività di costruzione; inoltre, tra coloro che dichiarano di averne trovati, diminuisce la quota di quelli che ritengono l’insufficienza di domanda quale ostacolo principale allo svolgimento dell’attività.