Come scegliere le scarpe antinfortunistiche

Le scarpe antinfortunistiche o di sicurezza sono calzature provviste di una particolare struttura che le rende idonee al lavoro in luoghi in cui la possibilità di infortunio ai piedi è piuttosto alta (quali cantieri, alle fabbriche e ai magazzini).

Come scegliere le scarpe antinfortunistiche

Come scegliere le scarpe antinfortunistiche

La valutazione delle scarpe antinfortunistiche può essere fatta in relazione alle varie certificazioni che soddisfano i requisiti principali delle norme EN345 che richiedono essenzialmente il puntale di acciaio.

Come si classificano le scarpe antinfortunistiche?

Le calzature antinfortunistiche, sono dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) che devono soddisfare i requisiti indicati nella Direttiva Europea CEE 89/686 al fine di ottenere la marcatura CE di conformità.

La norma EN ISO 20345:2011 categorizza con la lettera “S”, che corrisponde al termine Safety, le calzature di sicurezza, definendole come un tipo di “calzatura con caratteristiche atte a proteggere il portatore da lesioni che possono derivare da infortuni nel settore di lavoro per il quale le calzature sono state progettate, dotate di puntali concepiti per fornire una protezione contro gli urti quando provati ad un livello di energia di 200J”.

Oltre alla resistenza della punta, i requisiti minimi a cui fare riferimento per la classificazione sono:

  • resistenza agli oli e agli idrocarburi (con sigla FO);
  • assorbimento dell’energia nella zona del tallone (con sigla E);
  • presenza di suola antistatica (con sigla A);
  • presenza di suola anti perforazione (con sigla P);
  • impermeabilità dinamica (con sigla WRU);
  • resistenza allo scivolamento (con sigla SR). Qui la normativa fissa tre categorie differenti di resistenza allo scivolamento ovvero SRA (resistenza allo scivolamento con suolo in ceramica con acqua e detergente), SRB (resistenza allo scivolamento con suolo in acciaio e glicerina) e SRC (resistenza allo scivolamento in entrambe le situazioni precedenti).

Principali caratteristiche delle scarpe antinfortunistiche

1 – Componenti della scarpa antinfortunistica

Le scarpe antinfortunistiche, per essere tali, devono essere dotate di:

  • puntale: si tratta di una parte di rinforzo che è applicata sulla punta della calzatura. Serve a proteggere in modo particolare le dita dei piedi da eventuali schiacciamenti o forti impatti.
  • Suola: è la parte inferiore della scarpa, che deve avere caratteristiche antiscivolo, antistatiche, antiacido e anti abrasione.
  • Lamina anti perforazione: è un materiale molto resistente inserito all’interno della scarpa. Ha lo scopo di evitare che oggetti affilati e taglienti raggiungano il piede e le dita.
  • Tomaia: rappresenta la parte superiore della scarpa. In relazione al materiale con cui è realizzata offre proprietà impermeabili, traspiranti e protettive sia verso gli acidi che verso il calore.

2 – Materiali della scarpa antinfortunistica

Una buona scarpa antinfortunistica deve essere realizzata con materiali specifici e avere determinate caratteristiche di flessibilità; a tal proposito, una valida opzione è rappresentata dai numerosi modelli di scarpe antinfortunistiche U Power disponibili da Leroy Merlin.

I materiali con cui sono realizzati il puntale e la lamina anti perforazione nelle scarpe di sicurezza hanno un peso abbastanza consistente che riduce talvolta la flessibilità della calzatura. Le suole sono realizzate nei materiali poliuretano o gomma nitrilica.

Una calzatura antinfortunistica particolare è quella per gli elettricisti dove è d’obbligo l’assenza di parti magnetiche all’interno della calzatura per ovvi motivi di sicurezza.

Anche i colori hanno un significato legato alla praticità, motivo per il quale, ad esempio, muratori e carpentieri utilizzano tinte più chiare e neutre, come il colore beige, perché in grado di mascherare la polvere; mentre gli operai in officine meccaniche o gli autotrasportatori, utilizzano scarpe di sicurezza scure, spesso di colore nero, per nascondere lo sporco.

Categorie delle scarpe antinfortunistiche

1 – Categoria SB

Le scarpe antinfortunistiche categoria SB presentano un livello base di sicurezza che corrispondente a quanto indicato nella norma EN ISO 20345:2011, in cui è richiesta la protezione contro gli urti di almeno 200 J. Le scarpe di sicurezza SB godono di proprietà di resistenza agli oli e idrocarburi (FO), assorbimento dell’energia nella zona del tallone (E) e presenza di suola antistatica (A).

2 – Categoria S1

Le scarpe antinfortunistiche categoria S1 aggiungono, rispetto alla tipologia precedente, qualità di resistenza antistatica, indicata dalla lettera A.

3 – Categoria S1P

Le scarpe antinfortunistiche categoria S1P presentano all’interno della suola una lamina anti perforazione, indicata dalla lettera P.

4 – Categoria S2

Le scarpe di sicurezza della categoria S2 abbinano alla categoria S1 una tomaia impermeabile capace di garantire una totale impermeabilità, per un’ora di tempo, attraverso un particolare trattamento. Questa categoria, però, non ha la lamina anti perforazione all’interno della suola.

5 – Categoria S3

Le scarpe antinfortunistiche S3 uniscono alle caratteristiche della S2 anche la lamina anti perforazione.

6 – Categoria S4

Le scarpe di sicurezza della categoria S4 abbinano alla categoria S2 una tomaia impermeabile capace di garantire una totale impermeabilità in qualsiasi condizione e durata.

7 – Categoria S5

La categoria S5 indica la scarpa antinfortunistica con il massimo grado di sicurezza unendo alle qualità della categoria S4 la presenza di una lamina anti perforazione. Queste sono le scarpe ideali per gli operatori del settore edile.