Luisenblock: il parlamento tedesco sceglie la velocità e la modularità del legno

Luisenblock: il parlamento tedesco sceglie la velocità e la modularità del legno

Realizzato per il 75% in legno, Luisenblock è avvolto da un guscio di alluminio e vetro riciclati. Una struttura modulare semplice, a forma di H, perfettamente integrata con l’ambiente circostante, facile da smontare e riutilizzare in un altro luogo.

a cura di Tommaso Tautonico

Luisenblock: il parlamento tedesco sceglie la velocità e la modularità del legno

Indice degli argomenti:

 470 moduli prefabbricati e 2.500 metri cubi di legname. Sono i numeri alla base del progetto Luisenblock, l’edificio che ospiterà una parte dei nuovi uffici del Bundestag tedesco. Nato dalla collaborazione tra lo studio di architettura Sauerbruch Hutton Architects, l’impresa edile specializzata nelle costruzioni in legno Kaufmann Bausysteme e il consorzio di sviluppo Primus l’edificio è stato realizzato in tempi record e con un budget ridotto.

Il progetto risponde alla specifica richiesta di crescita del parlamento tedesco, che negli ultimi dieci anni è passato da 598 parlamentari a 736, con la necessità di nuovi spazi. Da qui la volontà di realizzare un nuovo complesso per circa 400 uffici su una superficie di circa 16 mila metri quadrati.

Luisenblock: veloce, modulare e smontabile

La decisione di una nuova sede è arrivata piuttosto tardi nella legislatura, per cui l’imperativo era avere una costruzione in tempi rapidi senza rinunciare alla funzionalità e al design.

L’esperienza dello studio di architettura e dell’impresa edile nella realizzazione di edifici in legno, ha giocato un ruolo importante per il Luisenblock. Non appena è stato firmato il contratto d’appalto, Sauerbruch Hutton ha iniziato a pianificare le attività, mentre Kaufmann ha lavorato alla creazione di una fabbrica temporanea per la costruzione dei moduli in legno, riutilizzando un capannone industriale vuoto a sud di Berlino, precedentemente utilizzato per la produzione dei famigerati “platten”, le lastre prefabbricate in cemento utilizzate fino al 1990 negli edifici residenziali del blocco orientale della città.

Luisenblock, realizzato con moduli in legno prefabbricati
Uno dei moduli in legno prefabbricati

In appena cinque mesi la fabbrica è andata a pieno regime: ogni giorno lavorativo, sei enormi moduli in legno venivano assemblati in fabbrica, trasportati in cantiere e montati in serata. Un esempio di velocità, efficienza e sostenibilità nel mondo delle costruzioni, che dimostra quanto sia possibile cambiare l’atteggiamento del business as usual del settore edile, anche in un contesto denso come il centro città di Berlino, e per un edificio governativo, con tutti i suoi vincoli. 

Sostenibilità e architettura

In un contesto simile, dichiarano gli architetti, l’architettura dell’edificio è stata mantenuta volutamente semplice e diretta. I moduli prefabbricati, la cui dimensione è dettata dalle dimensioni dell’autocarro che li trasporta, hanno definito la griglia dell’edificio.

Luisenblock: una struttura veloce, modulare e smontabile

Gli architetti hanno disposto questi moduli in una grande forma ad H, molto simile a un tipico edificio del centro di Berlino, ma con due cortili aperti. Il cortile sud funge da ingresso principale, collega l’edificio al distretto governativo e al Reichstag.

Luisenblock dalla pianta a forma di H

A nord, dove corre la principale linea ferroviaria della città, con treni che si susseguono ad alta frequenza, sia di giorno che di notte, l’edificio è protetto da un muro di vetro e acciaio, alto sette piani, che funge da protezione dal rumore, via di fuga antincendio e area di sosta all’aperto per il personale.

Dettaglio pannelli di vetro e acciaio che avvolgono il parlamento tedesco Luisenblock

Nonostante l’edificio sia realizzato per il 75% in legno, questo particolare non si vede dall’esterno. Matthias Sauerbruch, partner di Sauerbruch Hutton, spiega che in fase iniziale di progettazione, tutti i partner hanno convenuto che “per un edificio pubblico in questo specifico contesto del distretto governativo, una facciata in legno sarebbe stata fuori luogo”.

Per questo, l’edificio è avvolto in un guscio resistente alle intemperie di alluminio e vetro riciclati. Di giorno, l’alluminio brilla di un argento modesto, mentre le strisce verticali di vetro colorato lo rendono piacevole alla vista e più consono ad un ufficio governativo.

Solaio, locali tecnici al piano terra e atrio centrale, sono le uniche parti ad essere realizzate in cemento armato prefabbricato. Il concept materico per l’interior design segue la logica costruttiva del resto dell’edificio: legno massello e cemento si alternano in maniera armoniosa e naturale.

Interno di uno dei prefabbricati del Luisenblock
Grazie al suo metodo di costruzione modulare, l’edificio è un esempio di circolarità: i singoli moduli possono essere facilmente smontati e riutilizzati in un altro luogo o per un altro progetto.

Img by Sauerbruch Hutton Architects