L’illuminazione pubblica passa per la sicurezza

A cura di:

Coniuga l’illuminazione con i servizi avanzati di videosorveglianza grazie alle tecnologie Wireless, RFID e fibra ottica, pur conservando estetica e design di alto livello, senza essere invasivo.
Il palo intelligente di Ghisamestieri, che si installa ovunque, apre nuove prospettive per una città integrata.
Le tecnologie avanzate continuano ad offrire possibilità e soluzioni inaspettate per migliorare la vita delle persone nelle città.
Per questo la loro applicazione su dispositivi già esistenti, come per esempio i pali illuminanti che arredano strade, piazze e luoghi pubblici rappresenta la nuova frontiera delle politiche di sicurezza pubblica.
Questo è, in sintesi, il palo tecnologico che Ghisamestieri, dopo cinque anni di ricerca, ha progettato grazie ad uno staff interno di ingegneri delle telecomunicazioni, designer e progettisti.
La novità sta nella perfetta integrazione di servizi già esistenti ma sfruttati solo in minima parte, destinati alla telesorveglianza con sistemi wireless che corrono sfruttando la fibra ottica.
Gli ingegneri Ghisamestieri hanno messo a punto un sistema “chiavi in mano” che consente di integrare perfettamente le telecamere, attualmente sempre posizionate all’esterno, dentro la parte estrema dei pali appartenenti alle proprie collezioni, ma non solo, dotando tutto il sistema di un dispositivo hardware che rende autonoma tutta la struttura di ricezione e trasmissione dati.
Il nuovo dispositivo, disegnato appositamente, consente inoltre una migliore flessibilità delle telecamere e della prospettiva di cattura delle immagini, e offre una migliore qualità e stabilità delle stesse, che vengono trattate come un prodotto “ready-to deliver”, grazie al software di regia installato sull’hardware interno.
Le telecamere, che possono interagire con altri dispositivi già presenti sul territorio, sono inoltre in grado di fornire servizi VoIP con la possibilità di avere una sorveglianza non solo visiva, ma anche sonora, grazie a microfoni e altoparlanti che, collegando il sistema con le centrali operative (forze dell’ordine, 118 e altro), rendono il palo una vera e propria centrale di sicurezza posizionata sul territorio.
In futuro il palo potrà consentire altri servizi come per esempio il pagamento del parcheggio con tecnologia RFID, l’attivazione di servizi di emergenza e altro ancora, sia in situazioni ex-novo che in situazioni già esistenti. “Crediamo nelle nuove tecnologie, per questo abbiamo lavorato e investito in questo progetto che avrà il suo primo banco di prova a Bertinoro.
Contiamo di diffondere questa nostra soluzione non solo in Italia, ma anche all’estero dove siamo presenti con diversi progetti, non ultimo quello di illuminazione di un lungo tratto autostradale in Libia”, ha dichiarato Leardo Ravaioli, presidente della società.
Ghisamestieri affonda le sue radici nel XIX secolo e coincide con la storia dell'illuminazione pubblica e dell'inizio della produzione industriale sul territorio italiano.
Pur essendo un marchio recente, l'eredità di un trascorso così glorioso, passato nelle mani di valenti uomini, tecnici ed amministratori, e il know how acquisito, sono oggi il cuore pulsante ed il vanto di Ghisamestieri.
Ghisamestieri è un’azienda specializzata nella realizzazione pali per l’illuminazione pubblica artistica e arredo urbano, firmati dai più importanti designers del panorama internazionale: funzionali e belli, sono in grado di coniugare la grande tradizione dell'esperienza artigianale con l'innovazione e la moderna tecnologia.