Laboratorio progettuale in bioarchitettura

A cura di:

ll Laboratorio Progettuale post laurea 2007-2008, rivolto a laureati in discipline scientifiche, è organizzato dall’Istituto Nazionale Bioarchitettura in convenzione con la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Bologna e inizia a fine aprile.
La scommessa è trasformare un’area produttiva in dismissione, confinante con il centro cittadino di Cadenzano (Fi), in un vero pezzo di città ecologica ricca di residenze, negozi, uffici, piazze, parchi, giardini, corsi d’acqua, parcheggi, piste ciclabili, dove i singoli manufatti, caratterizzati da considerazioni bioclimatiche, energetiche, di oculato utilizzo delle risorse e di vivibilità, comporranno un disegno complessivo capace di porsi con qualità in armonia con il genius loci del paese.
Si tratta dunque di un vero e proprio laboratorio di idee e di progetti, sviluppato con la guida di due architetti di notorietà internazionale Rob Krier (B) e Lucien Steil (F) e la direzione di Ugo Sasso (Istituto Nazionale Bioarchitettura) e Carlo Monti (Università di Bologna) che, spaziando dalla scala urbana a quella di dettaglio, offre l’occasione di confronto formativo con le più avanzate visioni strategiche, propositive, organizzative, grafiche, presenti in Europa.
Il particolare interesse evidenziato dall’Amministrazione comunale, che sostiene l’iniziativa, coniugato alla cornice geografica, temporale e strategica definita dalla struttura del Laboratorio, spinge i frequentanti a proposte chiare, consapevoli, praticabili, capaci di coniugare l’utopia di un futuro ecologico con le attuali necessità costruttive, con i vincoli legislativi, con le limitazioni economiche.
Operativamente il Laboratorio si articola in un seminario iniziale (26 – 29 aprile) con conferenze informative circa le esigenze locali, le limitazioni urbanistiche, le caratteristiche geografiche, storiche, sociali del sito di intervento; quindi si procede, con il contributo di tutti e il coordinamento di tutor e docenti, alla stesura del master plan da assumere come riferimento progettuale generale. I successivi incontri periodici consentono il coordinamento e la consulenza dei singoli progetti elaborati in gruppetti.
Alla fine ciascun frequentante è chiamato a produrre un’unica tavola Din A0 riassuntiva.
Occupando solo 12 giorni fuori casa (tutti pre-festivi o festivi) il percorso formativo, consente anche a professionisti già attivi ma con limitata disponibilità di tempo, l’acquisizione di un Diploma di perfezionamento post laurea in Bioarchitettura.
Sul progetto della “Nuova Calenzano” il Laboratorio di Comunicazione Visiva del Dipartimento di Processi e Metodi della Produzione Edilizia della Facoltà di Architettura realizzerà un documentario destinato alla Rai.
Le azioni didattiche saranno presso la sala polifunzionale della Rocca di Calenzano (www.museofigurinostorico.it ) e presso la facoltà di ingegneria dell’Università di Bologna (www.ing.unibo.it/ingegneria)

Per ulteriori informazioni
www.bioarchitettura.org