Un corso dell’Universita di Bologna

A cura di:

Il Dipartimento DISTART dell’Università di Bologna, in collaborazione con AIPnD (Associazione Italiana Prove non Distruttive) e LaRM (Laboratorio Resistenza Materiali), organizza un corso di formazione rivolto a professionisti e tecnici operanti nel settore dell’edilizia sul tema delle “Prove non distruttive per la diagnosi del calcestruzzo nelle strutture”. Gli incontri si terranno dal 4 al 7 aprile e dall’ 11 al 14 aprile 2005.
Nel campo della diagnosi delle strutture esistenti in cemento armato, normale o precompresso, le prove non distruttive per la caratterizzazione del calcestruzzo hanno acquistato un ruolo di grande rilievo.
La normativa tecnica per l’adeguamento sismico degli edifici, attualmente in evoluzione, prevede coefficienti parziali di sicurezza variabili in funzione del grado di conoscenza della struttura e in particolare delle proprietà meccaniche dei materiali in opera.
E’ prossima l’emanazione delle Linee guida per la messa in opera del calcestruzzo strutturale e per la valutazione delle caratteristiche meccaniche del calcestruzzo indurito mediante prove non distruttive da parte del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici.
Si può prevedere per i prossimi anni una crescente esigenza di attività legate alla diagnostica delle costruzioni esistenti e conseguentemente una forte richiesta di personale tecnico qualificato e di figure professionali adeguate. Il CICPnD, Centro Italiano di Coordinamento per le Prove Non Distruttive, ha avviato da alcuni anni le procedure per la certificazione del personale addetto all’esecuzione di prove sulle strutture civili, in accordo con la norma UNI EN 473.
Questo corso ha la finalità di mettere i partecipanti in grado di affrontare gli esami di secondo livello per i due metodi considerati, che si svolgono periodicamente presso i Centri d’Esame autorizzati dal CICPND.
I contenuti del corso comprendono aspetti di base riguardanti le proprietà dei materiali nelle strutture di cemento armato, aspetti specifici legati ai singoli metodi e aspetti generali sulla valutazione delle proprietà meccaniche del calcestruzzo per via non distruttiva. Vengono inoltre trattate le normative riguardanti i metodi di prova, le campagne su strutture e la certificazione del personale.
Le lezioni in aula saranno affiancate da attività pratiche che si svolgeranno presso il LaRM, Laboratorio Resistenza Materiali, Università di Bologna. Il corso è rivolto a professionisti e a personale tecnico interessato al settore del controllo di strutture all’interno di società, imprese ed enti pubblici, ma anche a giovani diplomati o laureati in discipline legate alle costruzioni civili, che possono acquisire conoscenze utili al loro inserimento nel mondo del lavoro.

Il corso è strutturato su tre moduli:
– modulo di base (B): 19 ore
– modulo sul metodo sclerometrico (SC): 13 ore
– modulo sul metodo ad ultrasuoni (UT): 31 ore
I moduli B e SC si svolgeranno da lunedì 4 a giovedì 7 aprile 2005, il modulo UT da lunedì 11 a giovedì 14 aprile 2005.
Nei giorni 8 e 15 aprile 2005 sarà possibile sostenere gli esami di secondo livello, rispettivamente per i metodi SC e UT, presso un Centro d’esame autorizzato dal CICPND.

Modulo di base (B)
I cementi: classificazione, proprietà, controllo. Il calcestruzzo: costituenti, tecnologia e miscele. Proprietà del calcestruzzo fresco e tecnologia di messa in opera. Prove fisiche in situ su calcestruzzo: permeabilità, profondità di carbonatazione. Corrosione dell’acciaio nel calcestruzzo: fenomenologia, prevenzione e diagnosi. La normativa riguardante la qualificazione e la certificazione del personale addetto all’esecuzione di prove non distruttive. I controlli di legge sulle costruzioni e le relative responsabilità. Organismi e figure coinvolti. Proprietà del calcestruzzo indurito: classificazione e controllo. Prove di laboratorio sui calcestruzzi. Difetti nei calcestruzzi: fessurazione, degrado, danneggiamento dovuto ad azioni ripetute. Verifica della conformità del calcestruzzo secondo le normative vigenti. Valutazione delle proprietà meccaniche del calcestruzzo nelle strutture esistenti: carotaggi. Generalità sul controllo non distruttivo del calcestruzzo nelle strutture esistenti: metodi, curve di correlazione e loro costruzione; suddivisione in classi omogenee. Acciai per cemento armato: proprietà, classificazione e controllo. Individuazione delle armature con metodi magnetici.

Modulo sul metodo sclerometrico (SC)
Conoscenze fisiche e matematiche necessarie per l’applicazione del metodo: forza, massa, energia, urto, elasticità. Principi del metodo, procedura operativa e normativa. Caratteristiche e principio di funzionamento dello sclerometro. Verifica della taratura dello sclerometro. Curve di correlazione tra indice di rimbalzo e resistenza a compressione del calcestruzzo. Procedure operative per l’esecuzione di campagne di prova col metodo sclerometrico. Esercitazioni pratiche in laboratorio per l’individuazione di armature con metodi magnetici e l’esecuzione di determinazioni con lo sclerometro.

Modulo sul metodo ad ultrasuoni (UT)
Conoscenze fisiche e matematiche necessarie per l’applicazione del metodo: elementi di dinamica, propagazione di onde elastiche nei mezzi solidi, relazioni tra la velocità delle onde e le costanti elastiche del materiale attraversato. Propagazione degli ultrasuoni in un mezzo semi-infinito, diagrammi polari di pressione acustica, attenuazione. Propagazione degli ultrasuoni nei materiali ad elevata attenuazione. Caratteristiche, tipologia e principi di funzionamento degli apparecchi ad ultrasuoni e dei trasduttori. Procedure operative per l’effettuazione delle misure. Verifica della taratura. Normativa di riferimento. Impiego del metodo degli ultrasuoni per la valutazione dell’omogeneità del calcestruzzo e per l’individuazione dei difetti. Curve di correlazione tra velocità degli ultrasuoni e resistenza a compressione del calcestruzzo: affidabilità, limiti, sensibilità alle variazioni di resistenza. Metodi combinati per la stima della resistenza a compressione del calcestruzzo. Impiego del metodo degli ultrasuoni in combinazione col metodo sclerometrico. Procedure operative per l’esecuzione di campagne di prova finalizzate alla stima della resistenza del calcestruzzo nelle strutture esistenti. Esercitazioni pratiche in laboratorio per l’esecuzione di misure con strumentazione ad ultrasuoni e per l’individuazione dei difetti.

Docenti
– Prof. Angelo Di Tommaso, DCA – IUAV Istituto Universitario di Architettura Venezia
– Ing. Paolo Ursella, libero professionista, collaboratore AITEC-UNI
– Prof. Franco Sandrolini, DICASM, Università di Bologna
– Prof. Giovanni Pascale, DISTAR, Università di Bologna
– Prof. A. Luigi Materazzi, DICA, Università degli Studi di Perugia
– Ing. Maurizio Ceneri, Spea Ingegneria Europea S.p.A., Bologna
– P.I. Roberto Carli, LaRM – DISTART, Università di Bologna
– Ing. Barbara Bonfiglioli, DISTART, Università di Bologna
– Ing. Stefano de Miranda, DISTART, Università di Bologna
– Dott. Franco Cianfrone, METRA s.r.l., Padova
– Ing. Filippo Bastianini, DCA-IUAV Istituto Universitario di Architettura, Venezia

Direzione del corso
– Prof. Angelo Di Tommaso DCA-IUAV Istituto Universitario di Architettura, Venezia
– Prof. Giovanni Pascale DISTART, Università di Bologna

Per informazioni:
Coordinamento e segreteria tecnica
DISTART
Viale Risorgimento, 2
40136 Bologna
Fax: 051-2093495
Ing. Barbara Bonfiglioli
tel. 051 2093511
e-mail: [email protected]
Ing. Patrizia Ricci
tel. 051 2093492
e-mail: [email protected]

Segreteria organizzativa
AIPnD
Via A. Foresti, 5
25127 Brescia
Sig.ra Maria Teresa Bazzani
tel. 030 3739173
fax. 030 3739176
e-mail: [email protected]