Progetto “Casa 2 Litri”

A cura di:

Casa 2 Litri, promosso congiuntamente da Aipe e Centro di Informazione sul PVC, vuole diffondere un approccio costruttivo idoneo a realizzare edifici che consumano ogni anno solo 2 litri di combustibile per climatizzare e illuminare un metro quadro di superficie abitabile.

“Quanto consuma la tua auto?” “E casa tua?” Fino a qualche anno fa la seconda domanda avrebbe lasciato almeno perplesso l’interlocutore.
Ma non oggi, grazie anche ad una maggiore coscienza “sostenibile” alimentata dalla normativa europea, recepita anche in Italia, e dai conseguenti incentivi a favore di un’edilizia che impatti sempre meno sull’ambiente.
“Solo 2 litri all’anno per ogni metro quadrato”- potrebbe essere la risposta.

Casa 2 Litri
Il progetto “Casa 2 Litri”, promosso congiuntamente da Aipe e Centro di Informazione sul PVC, è finalizzato alla diffusione di un approccio costruttivo idoneo a realizzare edifici in grado di utilizzare annualmente l’equivalente di soli 2 litri di combustibile per riscaldare, climatizzare e illuminare ogni metro quadro di superficie abitabile.
Il corrispondente consumo energetico è pari a circa 20 Kwh/m2, 10 volte inferiore rispetto a quello medio dell’attuale parco edilizio italiano.
Ciò è possibile partendo da un’attenta progettazione nella quale l’utilizzo di innovativi materiali, sistemi e processi consente di ottenere una forte riduzione dell’impatto ambientale dell’edificio in fase di costruzione, gestione e demolizione.

Consumo energetico
In Europa il settore edilizio assorbe da solo quasi 1/3 del fabbisogno energetico globale per l’estrazione delle materie prime, la realizzazione dei manufatti, il trasporto, la costruzione, la gestione dell’edificio, e infine la demolizione. A questo dato occorre aggiungere che l’Italia è il secondo Paese al mondo per importazione di energia elettrica con una dipendenza che supera l’80% della richiesta totale. È quindi impensabile prescindere da un approccio che miri alla conservazione delle risorse e alla riduzione dei consumi energetici in tutte le fasi di vita dell’edificio.

Il progetto
L’approccio per “Casa 2 Litri” considera l’innovazione come motore per l’evoluzione sostenibile del settore edilizio; una sostenibilità nel contempo economica (domanda e fornitura, ciclo di vita, analisi economica dei processi di costruzione e manutenzione), funzionale (performance tecniche e funzionali, durata, qualità dell’ambiente interno) e ambientale (impatto ambientale, risparmio energetico e delle risorse naturali). La chiave della proposta è l’applicazione dei principi di bioclimatica alle tecnologie disponibili per massimizzare le performance.
I componenti già esistono, è sufficiente saperli assemblare nel modo corretto per ottenere un “puzzle” funzionale e sostenibile. Lontano dal volersi definire uno standard, non si può infatti non considerare le differenze climatiche tra zone diverse, il progetto propone alcune linee guida riproducibili ovunque:
– accurata analisi bioclimatica del sito
– utilizzo di pannelli solari e fotovoltaici
– ventilazione controllata con scambiatore di calore
– impiego di caldaie a condensazione e/o pompa di calore
– presenza di schermi solari per ombre passive e attive
– utilizzo di sorgenti di calore adiabatiche per il raffrescamento estivo
– particolare attenzione all’isolamento termico delle strutture realizzato grazie all’EPS per iperisolare tetti, pareti e fondazioni e al PVC per i serramenti, le facciate trasparenti e il trasporto di fluidi e luce.
È prevista inoltre la redazione di un manuale di gestione-manutenzione della “Casa” accompagnato da valutazioni dell’intero ciclo di vita (LCA) dei materiali impiegati e da una pagella finale complessiva che include tutto il processo.

Aipe e Centro di Informazione sul PVC hanno realizzato un nuovo sito internet a supporto di “Casa 2 Litri” per aggiornare costantemente l’utente sugli sviluppi dell’iniziativa. Un serbatoio virtuale contenete tutta la documentazione prodotta suddivisa per tematiche (progettazione, impatto ambientale, normativa), la brochure informativa e un apposito spazio dedicato all’edificio di Ozzano, primo esempio concreto di “Casa 2 Litri” in fase di realizzazione vicino a Bologna.
Attraverso il sito sarà inoltre possibile iscriversi direttamente ai prossimi convegni dedicati al progetto ed essere informati sulle fiere che, dopo Klimhouse a Bolzano e Build Up a Milano, ospiteranno lo stand di “Casa 2 Litri”.

Per ulteriori informazioni
www.casa2litri.it