Concorso Mirafiori

IDEE PER IL RIUSO DELLE EX AREE INDUSTRIALI MIRAFIORI A TORINO

Concorso Mirafiori

Il concorso per il riutilizzo delle ex aree industriali Mirafiori a Torino è bandito da TNE Torino Nuova Economia, società a partecipazione pubblica proprietaria delle aree, ed è sostenuto dalla Città di Torino e Regione Piemonte, principali azionisti della Fondazione OAT.

Obiettivo del concorso di idee è di individuare la migliore proposta possibile per l’utilizzo temporaneo del fabbricato che si affaccia su via Settembrini, chiamato ‘ex DAI’, utilizzato come base logistica dalla Fiat fino al 2005. Il fabbricato sorge nell’area già parzialmente recuperata con l’insediamento del Centro del Design e si presenta come un edificio industriale di grandi dimensioni, di circa 37mila metri quadri, con campate fino a 12 metri di altezza,sostenuto da strutture metalliche e dotato di una straordinaria luce naturale. La struttura sorge su  una superficie complessiva di 142mila metri quadri, delimitata a sud da Corso Settembrini, a ovest da Corso Orbassano, mentre a nord e a est è confinante con il Comprensorio industriale Fiat Mirafiori.

L’intento è quello di avviare un’esplorazione che possa suggerire strade possibili per un intervento importante per la città, con un’attenzione particolare alle esigenze espresse dal  territorio,  indagate attraverso un percorso partecipativo gestito da Avventura Urbana.

Le proposte dovranno sapersi inserire nel contesto in maniera appropriata, cogliendo i caratteri specifici dell’area, le sue vocazioni, le possibili strade di una trasformazione che sia occasione di valorizzazione. L’esito della trasformazione potrà ereditare valori dal preesistente (come anche perderli) e potràacquisirne di nuovi. I concorrenti dovranno dimostrare di aver acquisito uno sguardo ampio e contemporaneamente di dettaglio sulla città e su chi vive nella città, intesa come sistema relazionale complesso.

Il concorso è aperto agli architetti e agli ingegneri iscritti nei rispettivi ordini professionali o registri professionali dei Paesi di appartenenza, abilitati all’esercizio della professione. Sarà indispensabile lavorare con gruppi multidisciplinari per rispondere ai criteri di:

  • RICONVERSIONE DELL’AREA IN RELAZIONE AL VISSUTO, ALLA STORIA E ALL’IDENTITÀ STORICA.
  • INSERIMENTO NEL   PAESAGGIO URBANO.
  • FLESSIBILITÀ FUNZIONALE E COMPOSITIVA.
  • SOSTENIBILITÀ ECONOMICA.
  • SOSTENIBILITÀ  AMBIENTALE.

I progetti saranno acquisiti dall’ente banditore attraverso la piattaforma www.concorsomirafiori.it, dove è possibile scaricare il bando

Concorso Mirafiori
Concorso Mirafiori 2