Terremoti AD 2010

A cura di:

Terremoti AD 2010. Progetto sismologico Underseis sotto il Gran Sasso a rischio chiusura per mancanza di fondi? Ecco cosa ha visto quel 6 aprile 2009 a L’Aquila.
Il professor Roberto Scarpa:“Underseis probabilmente dovrà chiudere entro poche settimane per mancanza di fondi: auspico una maggiore attenzione verso il progetto Underseis
per lo studio dei terremoti abruzzesi. E’ più affidabile il lancio di una monetina, per prevedere i terremoti, che pensare di investire nella previsione con la tecnica del radon”.
Trend crescente di catastrofi sismiche e mediatiche nel mondo: sarà vero? La crisi sismica turca e greca può destabilizzare le faglie italiane? A cosa serve la ricerca, perché finanziarla, cosa fanno i ricercatori, che relazione c’è tra ricerca ed insegnamento, come riformare il sistema della ricerca e dell’università, a quali modelli ispirarsi?
Abbiamo sentito il parere dei professori Warner Marzocchi, Pier Francesco Biagi e Roberto Scarpa. Del terremoto di L’Aquila, di Haiti e del Cile si parlerà anche all’Egu Spring Meeting di Vienna (2-7 maggio 2010) e, prima, al Meeting della Seismological Society of America (SSA) di Portland (Oregon, Usa) dal 21 al 23 aprile 2010.
Qual è il comportamento dei media? Chi ha capito la verità sul radon? "I ricercatori non crescono sugli alberi" è il titolo del libro scritto a quattro mani da Francesco Sylos Labini e Stefano Zapperi sulla ricerca e l'università in Italia. Galileo Galilei scoprì che la fantasia umana è poca cosa rispetto alla fantasia di Colui che ha fatto il mondo. Siamo sulla Terra o sul pianeta Pandora di Avatar?
Verità scientifica, plausibilità e fantascienza 3D: il confine è sempre più labile. Non c’è scienza senza umiltà, esperimenti riproducibili e rigore matematico. Il rigore della scienza è la medicina universale. Prof. Antonino Zichichi: “È tempo che la scienza entri nella vita di tutti i giorni”.
E tutto comincia dalla massa e dalla materia che oggi molti confondono. Figurarsi il radon!
Con tutte le testate termonucleari di cui la Terra è ancora oggi imbottita, se noi oggi esistiamo, lo dobbiamo a Dio, alla Scienza ed alla Chiesa Cattolica Romana.