Stoccolma, 3XN firma il centro di ricerca

A cura di:

A progettare il Centro di ricerche per la salute e la vita di Stoccolma sarà lo studio 3XN di Copenhagen. La zona diventerà un importante distretto di innovazione di livello mondiale. Forma circolare, design aperto, materiali leggeri e tanto legno alla ricerca della sostenibilità. L’entrata in funzione nel 2024

a cura di Pietro Mezzi

La Hall di ingresso di Forskaren a Hagastaden vicino a Stoccolma
La Hall di ingresso di Forskaren a Hagastaden vicino a Stoccolma (credits, 3XN)

Indice degli argomenti:

Lo studio danese 3XN di Copenhagen ha vinto il concorso per la progettazione di Forskaren, il centro di ricerca di scienze della salute e della vita che sorgerà a Hagastaden, zona a nord di Stoccolma.

Si tratta di un nuovo edificio di 24mila metri quadrati da realizzare nella zona compresa tra l’ospedale universitario Karolinska e il vecchio nosocomio cittadino.

Tra qualche anno l’area, che verrà completata con alloggi, zone verdi e ricreative e una nuova stazione della linea metropolitana diventerà un’importante distretto di ricerca e di innovazione di livello mondiale, in concorrenza ad altre iniziative avviate negli stessi campi, come lo Human Technopole nell’area Mind a Milano.

Il Centro di ricerca

L’edificio conterrà uffici, laboratori per aziende consolidate e per start-up, ristoranti, caffetterie e un’area espositiva.

L’edificio, che nasce per iniziativa della società di sviluppo immobiliare Vectura Fastigheter, è stato pensato secondo alti standard di sostenibilità e verrà realizzato per raggiungere la certificazione ambientale Leed Platinum.

Diagramma dell’edificio per certificazione Leed dell’edificio Forskaren (credits, 3XN)
Diagramma dell’edificio per certificazione Leed (credits, 3XN)

Come Human Technopole, il centro di ricerca di Forskaren vuole attrarre i migliori talenti sul tema dello sviluppo delle scienze della salute e della vita: sarà un generatore di ricerca per l’intero sistema svedese.

Sarà anche un luogo in cui le aziende potranno lavorare in sinergia con i laboratori di ricerca e operare il trasferimento tecnologico delle conoscenze dalla ricerca all’industria.

L’architettura dell’edificio

È un edificio proiettato al futuro: la sua forma circolare e la sua piazza lo pongono al centro del futuro distretto dell’innovazione e della futura vita di un quartiere in forte cambiamento.

L’idea progettuale ha previsto un design aperto, accogliente, facile da vivere. Il progetto di 3XN prevede di utilizzare materiali leggeri e tattili come il legno, la pietra naturale, il cemento, il vetro, sia all’interno che all’esterno dell’edificio.

Esterno dell’edificio Forskaren con il rivestimento di doghe in legno (credits, 3XN)
Esterno dell’edificio con il rivestimento di doghe in legno (credits, 3XN)

Per le parti esterne, le doghe in legno danno il ritmo all’intero complesso creando una facciata dinamica che enfatizza il design circolare.

All’ingresso, la facciata vetrata offrirà ai passanti uno scorcio trasparente e invitante.

Parla il capo progetto

JAN AMMUNDSEN capo progetto Forskaren«Forskaren è un progetto molto ambizioso – afferma Jan Ammundsen, fondatore e senior partner di 3XN e capo progetto di Forskaren -. L’edificio sarà un punto di riferimento capace di interagire con la città. La sostenibilità è al centro del progetto e al centro dell’edificio verranno forniti luce, spazi sociali e verdi per chi vi lavorerà».

All’interno, l’atrio presenta un’ampia scala a chiocciola; al piano terra sono previsti spazi di lavoro aperti, aree espositive interattive, ristoranti e caffetterie aperte al pubblico.

Esterno dell’edificio Forskaren con il rivestimento di doghe in legno
Esterno dell’edificio (credits, 3XN)

In questi ambienti i ricercatori e il pubblico potranno incontrarsi, bere un caffè e utilizzare tutti i dispositivi digitali che il centro metterà a disposizione.

Interno dell’edificio Forskaren con gli spazi di lavoro
Interno dell’edificio con gli spazi di lavoro (credits, 3XN)

Ogni piano avrà un proprio laboratorio che potrà essere utilizzato sia da coloro i quali saranno presenti in forma stabile sia dai collaboratori saltuari. Si potrà infatti scegliere di affittare uno o più piani dell’edificio o utilizzare gli spazi in co-working presenti ai vari piani.

Design sostenibile

Forskaren è progettato per perseguire alti standard di sostenibilità. Per questo scopo il progetto prevede di installare pannelli solari sul tetto, che si integreranno con i sistemi di sistemi ventilazione, riscaldamento e raffreddamento.

Pianta dell’ingresso al piano terra dell’edificio Forskaren (credits, 3XN)
Pianta dell’ingresso al piano terra (credits, 3XN)

L‘acqua piovana, attraverso un sistema di stoccaggio e filtrazione, potrà essere riutilizzata per annaffiare le piante e per alimentare gli scarichi delle toilette. In estate l’edificio verrà raffrescato mediante una pompa di calore, che avrà il compito di raffreddare il circuito dell’acqua.
La fine lavori è prevista per il 2024.

Planimetria del complesso dell’edificio Forskaren (credits, 3XN)
Planimetria del complesso (credits, 3XN)

3XN

Da oltre trent’anni lo studio danese 3XN opera nel campo della progettazione architettonica. Le ultime realizzazioni in ordine di tempo riguardano la nuova sede del Comitato olimpico internazionale a Losanna, la Quay Quarter Tower a Sydney e la Royal Arena e The Blue Planet National Aquarium di Copenaghen. Lo studio ha sede a Copenaghen e uffici a Stoccolma, New York e Sydney.

GXN è l’unità di innovazione di 3XN, specializzata in design circolare, design comportamentale e design digitale. La missione è applicare all’architettura le conoscenze più recenti su materiali, sostenibilità e nuove tecnologie.

Diagrammi progettuali edificio Forskaren
In questa e nelle successive immagini i Diagrammi progettuali (credits, 3XN)

Diagrammi progettuali edificio Forskaren

Diagrammi progettuali edificio Forskaren

Diagrammi progettuali dell'edificio Forskaren

Diagrammi progettuali dell'edificio Forskaren