Buzzetti: servono opere minori che innescano velocemente l’occupazione

A cura di:

Così Paolo Buzzetti, Presidente dell’Associazione Nazionale Costruttuori Edili (Ance) in un’intervista per la Stampa parla delle necessità del mercato a fronte delle nuove mosse del governo in tema di infrastrutture.
“Ci vogliono anche opere minori che innescano più rapidamente il circolo virtuoso di occupazione.
Un miliardo investito in edilizia porta circa 17mila occupati e ha un effetto moltiplicatore di tre miliardi. Dovremmo seguire l’esempio spagnolo che ha varato un piano di emergenza di piccoli interventi con una regia statale”. “Anche le banche devono fare la loro parte. – prosegue Buzzetti – La concessione di liquidità è essenziale anche se pure gli istituti di credito sono in difficoltà.
Servono poi una serie di semplificazioni per battere la burocrazia.
E’ assurdo impiegare più tempo ad aprire i cantieri che per realizzare l’opera”. “C’è poi un altro punto – conclude il Presidente dell’Ance – l’Autorità di vigilanza sui lavori pubblici ha calcolato che 28 miliardi l’anno sfuggono alla trasparenza della gara pubblica perchè sono a discrezione totale del soggetto”.