Lavabi e sanitari: ceramica ma non solo

Squadrati o dalle linee morbide, sanitari e lavabi definiscono la personalità del bagno anche di quelli più piccoli e di servizio. E mentre i designer giocano con le forme, nei laboratori aziendali si sperimentano nuovi materiali dalle elevate potenzialità sia meccaniche che estetiche

A cura di:

Lavabi e sanitari: ceramica ma non solo

Indice degli argomenti:

L’ambiente bagno curato nei minimi dettagli deriva il proprio carattere soprattutto da lavabi e ceramiche sanitarie, che negli atelier aziendali acquistano nuove forme e anche nuove funzionalità. Nei laboratori delle aziende c’è una grande attenzione anche ai materiali di nuova generazione. Vediamo insieme i nuovi trend.

Materiali

Il gres porcellanato è, per le sue caratteristiche, il materiale più utilizzato nella realizzazione degli elementi del bagno (fatta eccezione per gli elementi d’arredo), soprattutto per i sanitari: è molto resistente grazie alla cottura a 1300°C ed estremamente facile da igienizzare, con un grado di assorbimento che non arriva allo 0,5%.

serie per il bagno Soleil di Duravit, disegnata dal designer Philippe Starck
La serie per il bagno Soleil di Duravit, disegnata dal designer Philippe Starck, si caratterizza per le linee delicate e morbide e comprende lavabi, sanitari e vasche da bagno. Il design si ispira alla natura: le curve morbide e le linee fluide ricordano infatti una duna scolpita dal vento.

Anche la ceramica Fine Fireclay, poco porosa e colorata, cotta a 1200°C è un materiale ottimale per wc e bidet. Tra i nuovi materiali c’è la serie dei polimeri materiali plastici e solid surface (come il Corian), ma anche materiali come il cemento e la malta che provengono dall’industria delle costruzioni o pietre naturali come il marmo che però, essendo un materiale pregiato e dal costo elevato, è generalmente destinato ai contesti di lusso.

Antoniolupi: lavabo di marmo WAVE
Antoniolupi – WAVE. Al Salone del Mobile 2022 Doriana e Massimiliano Fuksas hanno presentato il lavabo in marmo di Carrara WAVE, disegnato per Antoniolupi. “Il marmo si assottiglia, diventa una lama, si curva, si piega, diventa leggero come un foglio, senza modificare la sua natura”, spiegano gli achitetti.
 Simas – Ceramiche sanitarie serie HENGES
Simas – HENGES. Firmati da Simone Micheli, le ceramiche sanitarie di Simas, vengono proposte in nero Matt e bianco Matt. “Questo bianco e nero, questo positivo e negativo sono in contrasto voluto per la volontà di valorizzare uno e l’altro oggetto, uno e l’altro materiale. È un po’ anche il ritratto dei nostri tempi perché ci sono delle opposizioni forti, ma proprio attraverso delle opposizioni volute possono nascere delle meraviglie, se l’uomo lo desidera”, ha spiegato il progettista.
Kreoo – Bento. Lavabo da appoggio in marmo
Kreoo – Bento. Lavabo da appoggio in marmo dalla geometria essenziale. Il progetto è di Matteo Nunziati.
Artelinea – Dicroico. Collezione di lavabi freestanding formati da lastre di vetro stratificato
Artelinea Dicroico. Collezione di lavabi freestanding ottenuti dall’assemblamento di quattro lastre di vetro stratificato. La particolarità di questi lavabi è che cambiano tonalità in base alla luce e alla posizione dlel’osservatore. Il design è di Davide Vercelli.

La Road Map della Ceramica europea verso i traguardi del 2050

L’industria ceramica europea ha, ormai da tempo, avviato il proprio percorso verso la transizione ecologica e di recente ha presentato la Ceramic Roadmap to 2050, sottoscritta anche da Confindustria Ceramica.

Tra i principali obiettivi per raggiungere entro il 2050 la neutralità del carbonio ricordiamo: il passaggio alle energie rinnovabili: idrogeno verde, biocarburanti ed elettricità decarbonizzata; una riduzione delle emissioni di processo; innovazione e maggiore efficienza nel processo di produzione; cattura e utilizzo CO2 (Carbon Capture and Storage e Carbon Capture and Use).

Le tecnologie e le pratiche di gestione prevedono l’installazione di forni, essiccatori, termostati e guarnizioni migliorati, nonché l’implementazione di controlli automatizzati. Il risparmio di calore può essere ottenuto anche migliorando l’isolamento termico attraverso l’uso di nuovi rivestimenti refrattari, rivestimenti e altri materiali ceramici. Anche il recupero del calore in eccesso è un’iniziativa importante per ridurre il consumo di carburante. Questo può essere fatto catturando i gas del forno da preriscaldare. Anche la progettazione intelligente degli impianti di produzione è un fattore chiave perché la distanza fisica tra i diversi processi, come la cottura e l’essiccazione, può portare a risparmi energetici.

Secondo questa visione di un’industria climaticamente neutra, nel 2050 l’industria ceramica europea avrebbe un fabbisogno energetico previsto di circa 140.000 terajoule secondo il joule, unità di misura dell’energia. N.d.r., ovvero, un terzo in meno rispetto al 2020. Le tecnologie per il biogas e il gas sintetico verde sono già disponibili, con diversi livelli di penetrazione nei vari Stati membri europei. I volumi disponibili dovrebbero aumentare fino al 2040 e al 2050, ma rispetto a idrogeno ed elettrificazione, biogas e gas sintetico verde giocheranno un ruolo minore.

Tipologia dei sanitari e costi

Per i sanitari la diade entro la quale scegliere è la tipologia a filo muro o quella dei sospesi: più pratici da installare i primi e più ricercati nel design (e leggermente più costosi) i secondi (per l’installazione dello scarico a parete lo spessore di quest’ultima deve essere di almeno 12 cm).

Porcelanosa Group – Noken Finish Studio: lavabi colorati
Porcelanosa Group Noken Finish Studio. Un bagno a colori quello che propone Noken con Finish Studio, che reinventa la ceramica con colori pastello.

In generale il costo dei sanitari di buon livello si aggira tra 150 e 200 euro per elemento; mentre l’installazione ha un costo variabile: intorno a 40/60 euro per quelli a terra e fino a 100 euro circa per i modelli sospesi.

Tendenze: il bagno oggi è funzionale, ecologico e bello

“L’ambiente bagno negli ultimi vent’anni ha cambiato radicalmente il modo e la forma di essere progettato, racconta Giampaolo Calisti CEO di Scarabeo. Pur mantenendo l’estetica e il design in linea con i trend del momento, ha subito una trasformazione che ha portato il bagno ad essere oggi un ambiente di rilevanza assoluta all’interno di un’abitazione. Deve essere funzionale e al tempo stesso accogliente ed esteticamente soddisfacente. Deve essere in armonia con lo spazio disponibile e deve offrire comfort di alto livello. Particolare attenzione, inoltre, viene data alla sostenibilità attraverso l’utilizzo di materiali riciclabili o processi produttivi che rispettino l’ambiente, oltre all’inserimento di dispositivi per il risparmio idrico ed energetico. Il bagno oggi viene progettato ponendo massima attenzione ad ogni minimo particolare e l’ampia offerta che il mercato mette a disposizione permette di ottenere dei risultati capaci di incontrare ogni tipologia di esigenza. Noi di Scarabeo ci siamo concentrati su un’offerta molto ricca in stile “total-look”: non solo sanitari ma anche arredobagno, accessori e complementi per un ambiente bagno completo, coordinato, elegante ed accessibile”.

Scarabeo – lavabo Teorema 2.0.
Scarabeo – lavabo Teorema 2.0. Sei nuove proposte dell’iconico lavabo firmato da Giovanni Calisti con Studio Tecnico Scarabeo: hanno l’aspetto più slim ma con maggiore aggetto dalla parete per una migliore facilità di approccio. I nuovi modelli misurano 53 cm di profondità per un’altezza di 12 cm. La linea è realizzata in ceramica.