Acciai sintetizzati?

A cura di:

Come affermato in ripetute occasioni, tutti i confronti fra tassi di sviluppo della produzione di particolari meccanici hanno sempre mostrato che quelli sinterizzati crescono più speditamente di quelli ottenuti mediante altre tecnologie di fabbricazione di serie.
Quest’affermazione può apparire stridente, o irritante, in un periodo di drammatica crisi economica come l’attuale. Tuttavia, in previsione di un ritorno – che ci auguriamo in tempi brevi – a situazioni meno pesanti dell’industria manifatturiera, possono essere utili dei tentativi di approfondimento.
Sui motivi che possono spiegare le differenze fra tassi di crescita, sono state formulate diverse ipotesi.
Moltissimi tecnici concordano nel ritenere che un punto di forza formidabile, a favore dei componenti meccanici sinterizzati, sia la relativa facilità con cui si possono ottenere, a costi competitivi, delle forme che risultano complicate, e costose, se ottenute mediante altre tecnologie.
A questo vantaggio competitivo costante si sono affiancati, nel tempo, altri fattori positivi: l’introduzione di nuove polveri e di tecnologie innovative (pressatura “ a caldo”, sinterotempra), il perfezionamento dei processi, la diffusione delle conoscenze di base, delle forme più o meno avanzate di co-progettazione, i perfezionamenti degli impianti, l’applicazione diffusa di valide tecniche di controllo della qualità. In quest’insieme di fattori positivi, gli incrementi sostanziali delle proprietà degli acciai sinterizzati possono offrire agli utilizzatori finali delle prospettive di contenimento dei costi a volte sorprendenti.
Tante e diverse esperienze hanno però evidenziato che le conoscenze sulle caratteristiche degli acciai sinterizzati, sia fra gli utilizzatori consolidati sia, soprattutto, fra quelli potenziali, e non solo in Italia, sono spesso modeste e non aggiornate.
Sulla base di queste considerazioni il Centro Metallurgia delle Polveri dell’AIM ha ritenuto opportuno organizzare una Giornata di Studio, espressamente dedicata alle caratteristiche degli acciai sinterizzati, ai metodi di controllo, ai criteri di scelta.
La Giornata di Studio, che si svolgerà a Milano c/o Politecnico di Milano, il 29 settembre 2009, vuole offrire una panoramica sulla situazione attuale, sulle potenzialità e sulle prospettive di sviluppo.
Con l’organizzazione della Giornata il Centro Metallurgia delle Polveri dell’AIM vuole contribuire alla diffusione di indicazioni di base, per favorire il compito dei tecnici degli utilizzatori finali, nei vari settori dell’industria meccanica di serie, e consentire i massimi vantaggi economici.
Possono essere interessati alla giornata anche gli studiosi e gli esponenti del mondo accademico e degli istituti di ricerca interessati ad approfondire le possibilità di applicazione della metallurgia delle polveri alla produzione di particolari meccanici per industrie di serie, idonei a funzionare correttamente anche in condizioni di lavoro severe.

Per ulteriori informazioni
www.aimnet.it