London Millenium Tower

A cura di:

Il progetto della London Millenium Tower era finalizzato alla costruzione di una torre di 92 piani ad uso ufficio da realizzare al posto del Baltic Exchange, che era stato pesantemente danneggiato da un’attentato dell’IRA nel 1992.
Con i suoi 385 metri (più il “pennone”), l’edificio sarebbe stato il più alto di entrambe le torri del Canary Wharf (245 metri) e, a tutt’oggi, il più alto edificio del Regno Unito e la più alta torre in Europa; infatti il Quartier generale della Commerzbank a Francoforte, progettata anch’essa da Foster , e realizzata, è alta 300 metri.
Con la pianta curvilinea a sagoma libera, l’aspetto dell’edificio sarebbe mutata continuamente a seconda della differente qualità di riflessione dei raggi solari sulle continue curve della facciata di vetro. La parte superiore dell’edificio si sarebbe dovuta dividere in due eleganti alette di coda di differenti pesi che avrebbero fatto di ogni punto dell’edificio un spazio unico.
La viste attraverso le vetrate a doppia altezza dell’atrio e una piazza aperta di fronte alla Torre avrebbero trasmesso una sensazione di spazio e di luminosità a piano terra. La London Millenium Tower, con 240,000 m2 di spazio utilizzabile sarebbe stata in grado di offrire prestigiosi uffici, distribuiti sui diversi livelli, appartamenti, negozi, caffè e giardini pensili. Una galleria vetrata avrebbe offerto una eccezionale vista panoramica a circa 300 metri.
La posizione era libera da molti dei vincoli che usualmente limitano le proiezioni di sviluppo dei progetti nella City: non in un’area soggetta a conservazione e tutela del patrimonio storico-architettonico e non sottoposta ai limiti imposti dalla vista della St Paul Cathedral.
Si sarebbe collocata entro un gruppo di edifici che includono la Lloyds Building, la Commercial Union Tower e la Natwest Tower.