La storia diventa moderna con il nuovo Top Mountain Crosspoint

A cura di:

Realizzato nella località del Hochgurgl, in Austria, Top Mountain Crosspoint interpreta la tradizione architettonica alpina attraverso un linguaggio contemporaneo, riunendo sotto lo stesso tetto le quattro diverse funzioni di Museo della Motocicletta, ristorante a tema, cabinovia e stazione di pedaggio.

a cura di Silvia Giacometti

In Austria a Objektreportage realizzato il Top Mountain Crosspoint

La strada del Passo del Rombo (Timmelsjoch) mette in diretta comunicazione le valli Passiria (Alto Adige) e Ötztal (Tirolo), con un percorso sinuoso ricco di tornanti e di vedute sulle Alpi Retiche. Sul versante austriaco la strada è in parte di proprietà della famiglia Scheiber che, nel 1881, diede avvio alla fruizione turistica della Valle Ötztal costruendo il primo rifugio (Ramolhaus) a oltre 3.000 metri d’altezza. La tradizione di famiglia è stata recentemente rinnovata dai fratelli Scheiber che hanno deciso di ospitare la loro collezione di rarità motociclistiche e automobilistiche in un nuovo edificio museale polifunzionale, il Top Mountain Crosspoint.

In Austria a Objektreportage realizzato il Top Mountain Crosspoint, museo della motocicletta

Indetto nel 2012, il concorso di architettura per la realizzazione dell’edificio fu aggiudicato al progetto di Michael Brötz, giovane architetto tirolese autodidatta.

Il Top Mountain Crosspoint visto dall'alto

Il tema del movimento sulla neve – con sci e snowboard – e sull’asfalto – su due e quattro ruote – è stato sviluppato secondo sofisticate superfici concave e convesse realizzate in legno, capaci di adattarsi con l’ambiente circostante e di conferire la massima leggerezza all’intera opera.

Top Mountain Crosspoint con facciata rivestita con legno di larice
Il tema “movimento” si è concretizzato in una forma costruttiva curva e dinamica.

Oltre all’innovativo concept progettuale che ha mantenuto i riferimenti alla pratica costruttiva locale reinterpretandola però in chiave più “delicata”, la vera sfida è stata l’integrazione in un’unica struttura di ben quattro differenti funzioni: il museo (ad oggi il più elevato d’Europa, a 2.175 m s.l.m.) che ospita 230 modelli di motociclette d’epoca prodotte da marchi di diverse nazionalità, oltre ad alcune rare autovetture dal sapore “vintage; un ristorante panoramico; la stazione della cabinovia collegata al comprensorio sciistico del Hochgurgl e infine il casello per il pagamento del pedaggio legato al transito lungo la Ötztalstrasse, dotato di un’area di pronto soccorso con eliporto.

L'area ristorante del Top Mountain Crosspoint
Nell’area ristorante sono stati montati pannelli in legno di larice riciclato, inseriti in senso orizzontale, verticale ma anche perforati.

Il progetto

L’edificio è composto da un basamento ipogeo in calcestruzzo armato, rivestito con scandole di ardesia, sopra il quale si eleva la costruzione in legno di larice locale grezzo, che disegna un volume ondulato in direzione della valle.

Il rivestimento in legno e ardesia caratterizza l’involucro edilizio del Top Mountain Crosspoint_Bild 6
Il rivestimento in legno e ardesia caratterizza l’involucro edilizio della costruzione

Il tetto sopra il ristorante riprende la struttura a doppia falda, scorrendo con forme fluide sugli spazi del museo fino a proteggere la stazione della cabinovia Kirchenkar e il casello sottostante.

La copertura del ristorante del Top Mountain Crosspoint
La copertura del ristorante richiama il tradizionale tetto a due spioventi.

L’uso estensivo dei materiali naturali caratterizza l’area espositiva e la zona ristorazione. Per la costruzione della complessa copertura è stato utilizzato legno lamellare di abete. Nel ristorante è stato invece impiegato legno di larice riciclato in pannelli che creano un’atmosfera accogliente e vivace allo stesso tempo. I pavimenti e le pareti dell’area espositiva sono realizzati con pannelli di larice nuovo oliato che sottolineano il carattere dinamico degli oggetti esposti.

Le soluzioni Hormann

La realizzazione del Top Mountain Crosspoint ha richiesto misure tecniche speciali per la protezione antincendio. La compartimentazione degli spazi è stata affidata principalmente ai portoni scorrevoli Hörmann FST con capacità di protezione al fuoco T30.

Il portone antincendio scorrevole Hörmann FTS  installato presso il Top Mountain Crosspoint_Bild 12
Il portone antincendio scorrevole Hörmann FTS

Situato al piano superiore, in direzione della galleria diretta al ristorante, il portone scorrevole FST è lasciato a vista e si inserisce perfettamente nell’immagine d’insieme, mentre al piano terra il progettista ha preferito un portone FST che trasla dentro una nicchia nella parete, risultando praticamente invisibile.

In entrambi i casi, le chiusure di sicurezza sono state realizzate senza che la loro presenza interferisse con il rivestimento in legno delle pareti. In esercizio normale, le due varianti del portone antincendio scorrevole Hörmann FST garantiscono la piena larghezza di passaggio, mentre in caso d’incendio si chiudono automaticamente creando singoli comparti antincendio all’interno dell’edificio. I portoni installati nel Top Mountain Crosspoint sono inoltre dotati di un impianto di allarme ottico e acustico nonché di portine pedonali che assicurano una via di fuga per le persone che si trovano all’interno.

Porte antincendio Hörmann STU installate all'interno del museo Top Mountain Crosspoint
Porte antincendio Hörmann STU

Nel museo sono state installate porte antincendio Hörmann STU, a uno e a due battenti, per separare i magazzini e i locali di servizio. Di particolare pregio risultano le porte in acciaio per i locali pubblici, dotate di chiudiporta e coordinate esteticamente a creare un design uniforme con l’allestimento interno.

Portone sezionale industriale Hörmann ALR F42 che delimita i locali di primo soccorso del Top Mountain Crosspoint_Bild 17
Portone sezionale industriale Hörmann ALR F42

All’esterno, l’area di primo soccorso è delimitata da due portoni sezionali automatici Hörmann ALR F42. La finestratura in vetro acrilico opacizzato Duratec, particolarmente resistente ai graffi, lascia penetrare la luce nella stanza offrendo al contempo protezione dall’introspezione visiva.

Scarica piante e sezioni del progetto Top Mountain Crosspoint

La storia diventa moderna con il nuovo Top Mountain Crosspoint