Berggruen Institute: un ponte tra architettura e natura

A cura di:

Il duo di archistar Herzog & De Meuron progetta sui monti della California il think tank del filantropo Nicolas Berggruen

campus

Il campus dedicato allo sviluppo e ricerca di uno dei filantropi più noti al mondo, Nicolas Berggruen, non poteva non avere una firma illustre: il duo di architetti Herzog & De Meuron ha firmato il Berggruen Institute a Los Angeles, fucina di cambiamento e nuove idee.

Il think tank progettato da Herzog & De Meuron sorgerà in una posizione privilegiata con affaccio diretto sulle splendide colline di Los Angeles sui monti di Santa Monica, vicino al Topanga Canyon State Park, un vero e proprio ambiente ispiratore ricco di suggestione. L’intervento progettuale s’ispirerà alla tradizione monastica: il campus californiano fornirà degli spazi tranquilli e pacifici immersi nel verde in cui l’istituzione potrà svolgere il suo lavoro.

L’ambiente naturale sarà parte integrante del progetto: giardini e aree verdi percorreranno tutta la struttura.
L’ambiente naturale sarà parte integrante del progetto: giardini e aree verdi percorreranno tutta la struttura.

La dimensione raccolta e intima della tradizione monastica ha ispirato lo studio svizzero, portandoli a progettare un luogo per lo studio e la riflessione completamente immersi nella vegetazione californiana. Il Berggruen Insitute vuole essere un luogo d’incontro, uno spazio dove studiare e mettere in pratica nuove idee, stimolare l’interscambio di opinioni e ospitare studiosi fornendo loro tutto il necessario.

È chiaro che l’ambiente naturale ricoprirà un ruolo centrale nell’opera degli archistar, i quali hanno pensato una struttura il cui impatto sull’ambiente è minimo: oltre il 90% dei 477 ettari del territorio saranno conservati e disponibili come un grande parco naturale dedicato allo studio e contemplazione.

L’oasi verde del Berggruen Institute

Il progetto firmato Herzog & De Meuron prevede spazi riservati alle conferenze e seminari, aree per workshop e sarà organizzato in tre edifici principali. In primis vi è l’area dell’istituto, la cui struttura sollevata dal suolo vede la presenza da un ampio giardino panoramico e due cupole di cui una pensata per ospitare un’area conferenze con 250 posti. A nord dell’istituto vi è lo Scholar Village, 26.000 mq dedicati agli spazi residenziali per studiosi e ospiti e infine la Chairman’s Residence, dedicata alle aree del personale e fornito di zona ristorante e biblioteca.

pianta
Nella piantina è possibile vedere le tre aree principali del progetto di Herzog & De Meuron.

Una delle parole chiave del progetto è “sostenibilità”: è stato studiato un sistema di raccolta, pulizia e riutilizzo dell’acqua, illuminazione a basso consumo, uso di fonti rinnovabili e stazioni di ricarica per veicoli elettrici. Il Berggruen Insitute sarà autosufficiente: l’architettura impatterà il meno possibile sull’ambiente e sulle risorse naturali nel pieno rispetto del paesaggio californiano che ospiterà il think tank.

a cura di Fabiana Valentini