Social Housing in legno a Göttingen

A cura di:

In Germania diciotto nuove unità abitative modulari in legno: tempi brevi, modularità e montaggio a secco.

germany

Nella città di Göttingen, una nuova costruzione doveva essere inserita all’interno di un contesto urbano già esistente.

L’uso del legno e della cromia delle facciate che fa riferimento agli edifici circostanti realizzati negli anni ’60 in klinker di tono giallo, ha permesso al nuovo edificio di integrarsi nell’architettura dell’ultimo secolo della Bassa Sassonia.

Il modulo spaziale utilizzato 8,8×8,8 corrisponde a un’unità abitativa con una superficie lorda di circa 78 mq e una superficie netta di 68 mq con tre stanze da letto, soggiorno/cucina e bagno.
Per rispondere alle specifiche normative antincendio locali, l’edificio è dotato di due scale esterne metalliche e tutte le componenti strutturali dell’edificio hanno caratteristiche di resistenza al fuoco F30. Il progetto è conforme, inoltre, alle normative tedesche: DIN 4109 per l’acustica ed Enev 2014 per la prestazione energetica. Tempi di costruzione: 6 mesi per il “chiavi in mano”, 3 settimane per il montaggio della struttura in legno.

Solitamente nelle città europee, ha sottolineato l’architetto Sergio Pascolo, la necessaria rigenerazione di molti quartieri, la grande richiesta di abitazioni e la scarsa disponibilità di aree edificabili, impone di inserire nuovi edifici nei lotti non completamente utilizzati, oppure in ritagli tra un edificio e l’altro o ancora, al posto di un parcheggio.

house

Tuttavia costruire nel costruito significa operare in ambienti già abitati con relativi disagi per gli abitanti degli edifici circostanti e difficoltà per la logistica di cantiere. La leggerezza del legno è, in particolare in questi contesti, un elemento prezioso che permette una movimentazione e una lavorazione meno invasive, oltre a un montaggio più veloce. La tecnologia della costruzione modulare in legno infatti, riduce significativamente i tempi di costruzione, il rumore, la polvere e tutti i disagi correlati.

La modularità e il montaggio a secco di solai e pareti in grande formato, ottimizzano i tempi e riducono le lavorazioni in cantiere. Altro tema importante, affrontando il necessario “costruire nel costruito”, è la sopraelevazione.

Anche in questo caso, la leggerezza diventa un fattore strategico: infatti progettare con elementi di parete e solai prefabbricati in legno, permette realizzazioni non solo competitive da un punto di vista organizzativo ed economico, ma anche di valore da un punto di vista formale. In generale, il sistema costruttivo in legno con elementi di grande misura, favorisce la purezza compositiva e offre anche, vista la qualità ecologica del materiale di base, l’opportunità di lasciare in tutto o in parte gli elementi strutturali a vista, cosa che può avere un’interessante valenza materica e rappresentare un valore aggiunto nell’unità abitativa. facciata

Il modulo spaziale 8,8×8,8 corrisponde a tre stanze, ma anche a un’unità per funzioni amministrative e sociali, tempo libero, uffici, sale riunioni, spazi di ritrovo, spazi didattici e per il gioco.

L’aggregazione e il posizionamento dei diversi moduli è priva di vincoli costruttivi ed è modificabile nel tempo e reversibile in quanto l’impiantistica è posizionata in appositi canalizzazioni verticali indipendenti dalla struttura e dalle partizioni.

Il modulo abitativo a sua volta ha diverse adattabilità a diverse esigenze: l’abitazione tipo può essere costituita da due camere da letto una stanza soggiorno, una zona cucina pranzo che ha funzione distributiva.

La zona living può essere una terza stanza; in questo caso, particolarmente adatto per studenti, il living comune è concentrato nello spazio cucina pranzo dando maggior spazio individuale a tre persone per unità abitativa. La stessa organizzazione, grazie alla dimensione delle camere di 14 mq, può essere utilizzata temporaneamente o per situazioni di emergenza ospitando 6 persone per modulo.

Il bagno è dimensionato per essere utilizzato, qualora venga appositamente attrezzato, anche da persone diversamente abili.

Il modulo base genera per aggregazione l’architettura dell’edificio che può avere un’ampia variazione formale con differenti forme delle aperture e delle finiture oltre ad una serie di accessori opzionali come le tapparelle oscuranti, i balconi e un sistema di ripostigli esterni accessibili dai ballatoi.