Haesley Nine Bridges Club House

A cura di:

Nuovi metodi per massimizzare l’utilizzo di strutture di legno come materiale più sostenibile.
Questa clubhouse localizzata all’interno di un campo da golf, dista un’ora di auto da Seoul.
E’ composta da tre edifici diversi, uno per i membri regolari, un altro per VIP members e l’ultimo per local VIP members.
Ogni singolo edificio é composto di tre sistemi diversi nella struttura.
La struttura dell’edificio dei membri regolari é composto da una conchiglia a maglia esagonale di legno, una struttura ecologica e ventilata naturalmente che segue il disegno dei tradizionali cuscini estivi coreani (chiamati “moglie del Bamboo”).
L’edificio per i VIP locali ha invece una struttura di acciaio di piccolo passo quasi a scala residenziale mentre l’edificio per i VIP members presenta una struttura di cemento armato.
In ogni edificio si trova una riproposizione in chiave moderna delle tecniche costruttive tradizionale della Corea del sud.

Innovazione e sostenibilità
La principale peculiarità della struttura della copertura dell’edificio principale è che la maglia esagonale è interamente realizzata in legno.
Questa struttura di legno è resistente al fuoco e tetto e colonne si trovano a vista nello spazio interno.
Nelle costruzioni contemporanee si trovani principalmente tre tipi di materiali: acciaio, cemento e legno ma soltanto quest’ultimo è l’unico rinnovabile.
Il professore Klaus Richter dei Swiss Federal Labaratories ha fatto alcuni test sui tre materiali diversi : acciao, cemento e legno dimostrando un risultato interessante sul contenuto di CO2 per ogni materiale attraverso processo di lenocinio per i materiali che compongono un edificio.
Qui sotto si può verificare il risultato di tali test.

Haesley Nine Bridges Club House

Si vede chiaramente nel diagramma che il contenuto totale di CO2 che è creato dal legno per la costruzione, è la metà di quello di una costruzione di cemento e che è un terzo di quello delle costruzioni in acciaio.
Il progetto utilizza una struttura in legno come come struttura principale in un nuovo modo.
Grazie all’utilizzo di avanzate tecnologie e di precise macchine da taglio, si è potuto trovare un’ottima forma per la struttura arrivando anche a ridurre sprechi durante il processo di assemblaggio e la quantità di legname necessaria.
Questo nuovo sistema di struttura portante che abbiamo sviluppato è ora utilizzato da molti architetti, ingegneri e clienti per le loro realizzazioni future di edifici sostenibili.

Medaglia d’oro al Premio Internazionale Architettura Sostenibile Fassa Bortolo
L’intervento fornisce un reale contributo per lo sviluppo di un nuovo impiego del legno in edilizia; il sistema costruttivo risolve in maniera integrata i molteplici aspetti funzionali richiesti, assolvendo al contempo a compiti di carattere statico, architettonico e impiantistico.
Lo sviluppo della struttura lignea infatti sorregge l’involucro edilizio, consente un’elevata luminosità naturale e artificiale degli ambienti interni e si prefigura come elemento di canalizzazione dei movimenti naturali di aria. La struttura stessa, nella sua essenzialità ed eleganza, crea la luce e il colore degli ambienti interni definendo pertanto l’atmosfera degli spazi e l’identità dell’architettura.
La realizzazione della costruzione sfrutta appieno le potenzialità offerte dalle avanzate tecnologie di lavorazione del legno con sistemi computerizzati di calcolo, disegno e taglio, riuscendo ad ottenere una configurazione che riduce al minimo la quantità di legname necessario per la struttura, semplificando inoltre il processo di assemblaggio dei componenti modulari.
La concezione costruttiva, pur se risolta attraverso ricerche innovative, si basa su principi funzionali desunti da un’attenta analisi dei riferimenti della tradizione costruttiva locale, richiamando alcuni aspetti dell’architettura vernacolare locale.

www.premioarchitettura.it