Datong Art Museum, il nuovo hub culturale della città

A cura di:

Lo studio Foster + Partners firma il progetto del nuovo edificio museale dedicato all’arte nel cuore di Datong. Un “salotto urbano” destinato a diventare il cuore pulsante della cultura in città.

a cura di Fabiana Valentini

Datong Art Museum, il nuovo hub culturale della città
Le “piramidi” del Datong Art Museum. Credit: Foster + Partners

Indice degli argomenti:

La storia di Datong affonda le sue origini in un lontano passato. La provincia cinese fu fondata nel 200 a.C. dalla dinastia Han e ricoprì un ruolo di grande importanza dal punto di vista militare: la città si trova a 20 km dalla Grande Muraglia ed è proprio da questa roccaforte che la popolazione locale riusciva a contrastare i Mongoli.

I turisti sono affascinati dalla cultura del luogo: ogni anno Datong accoglie curiosi e appassionati desiderosi di scoprire di più sulle tradizioni cinesi. Un’anima antica e allo stesso tempo contemporanea: la Datong di oggi è una città rivolta verso il futuro e l’innovazione.

Ed è qui che il prestigioso studio Foster + Partners ha progettato un un nuovo museo dedicato all’arte. Il Datong Art Museum è uno dei quattro nuovi edifici culturali situati nella piazza di Datong New City, l’hub culturale che diventerà ben presto il punto di riferimento per i visitatori e i creativi.

Un dettaglio della copertura del Datong Art Museum
Un dettaglio della copertura in costruzione  Credits: Foster + Partners

Non a caso lo stesso Luke Fox, direttore dello studio di Foster + Partners ha descritto il Datong Art Museum come un “salotto urbano”. Fox sottolinea che il polo culturale è stato concepito come “hub sociale che riunisce persone, arte e artisti in uno spazio in cui possono interagire”.

Il progetto, avviato nel 2011, è stato recentemente completato e ad inaugurarlo troviamo una mostra dedicata agli artisti locali.

Arte e cultura nel “salotto urbano” della città

Il Datong Art Museum, in larga parte interrato, si sviluppa su una superficie di 32.000 metri quadrati e culmina nella Grand Gallery (37 metri di altezza).

Datong Art Museum: l'ampia galleria espositiva
Un’ampia galleria espositiva accoglie le opere d’arte del museo cinese  Credits: Foster + Partners

La nuova galleria è stata progettata per accogliere opere d’arte site specific di grandi dimensioni, così da offrire la massima libertà espressiva agli artisti e al tempo stesso poter ospitare anche eventi e manifestazioni culturali. Un luogo poliedrico e aperto ad ogni forma d’arte che rispecchia il concetto di “salotto urbano” voluto da Luke Fox. La Grand Gallery esemplifica questo spirito con uno spazio espositivo dimensionato e flessibile progettato per ospitare opere d’arte su larga scala, performance artistiche e altri eventi” ha commentato l’architetto.

Forme scultoree piramidali

Una volta arrivati nel sito culturale, i visitatori sono accolti da grandi piramidi che emergono dal suolo: la copertura, realizzata in acciaio color terra, è caratterizzata da eleganti forme scultoree interconnesse che si aprono a ventaglio verso gli angoli della piazza.

Datong art Museum, Forme scultoree piramidali

La particolare copertura a piramide consente di massimizzare il volume interno: il museo presenta un ampio spazio centrale che va riducendosi verso i margini creando delle nicchie raccolte.

Datong Art Museum, particolare della copertura
Un particolare della copertura in acciaio ossidato color terra. Credits: Foster + Partners

I lucernari posti tra ciascuno dei volumi consentono di far entrare i raggi solari nell’edificio e creano un interessante dinamismo tra luci e ombre. Lo studio Foster + Partners ha posto particolare attenzione nel curare ogni aspetto legato al design passivo: i lucernari consentono di sfruttare l’orientamento della struttura favorendo l’ingresso di luce naturale e riducendo al minimo il guadagno solare.

Lo spazio espositivo del Datong Art Museum
Lo spazio espositivo è flessibile, pronto ad ospitare anche opere su larga scala. Credits: Foster + Partners

Al tempo stesso la copertura aiuta drenare l’acqua piovana e a garantire che la temperatura interna sia sempre confortevole per gli ospiti che per la conservazione delle opere d’arte.

Per entrare nel museo, i visitatori devono seguire una serie di percorsi diagonali e dislivelli che li conducono nel “cuore” del Datong Art Museum. Una volta entrati nello spazio museale, impossibile non rimanere a bocca aperta davanti all’incredibile Galleria alta 37 metri.

Come abbiamo visto in precedenza, gli spazi espositivi (e la maestosa Grand Gallery) si estendono nell’area sotterranea. Qui prevale una dimensione minimal e pulita: il grande spazio bianco è pronto ad “offrirsi” come tela per accogliere le opere d’arte. Il progetto si completa con la presenza di una caffetteria, un ristorante, una biblioteca multimediale, un archivio e le residenze per gli artisti.

Il cantiere del Datong Art Museum
Il cantiere del Datong Art Museum

img by Foster+Partners