Centro Direzionale BNL-BNP Paribas

A cura di:

L’edificio si presenta come una sommatoria di linee spezzate che ad est sono lineari e che si deformano dolcemente a ovest, arrivando formalmente ad assumere un valore simbolico che si ritrova in ciò che definisce il suo stesso “corpo”:
• la disposizione planimetrica;
2
• la scelta di non voler creare un “fronte e un retro” ma uno spartito compositivo capace di creare lo stupore e la meraviglia nella “metamorfosi” dell’edificio, che sarà percepito sempre in maniera differente per la sua capacità di reagire alla luce alle diverse ore del giorno durante i diversi giorni dell’anno;
3
• l’articolazione delle sue funzioni, composte secondo un principio di stratificazione orizzontale, in una sequenza classica quale basamento (le funzioni “collettive” o meglio di interfaccia con il pubblico), elevazione (le funzioni prevalenti/uffici), coronamento (lo spazio inatteso e unico e il suo rapporto con il cielo);
4
• la hall d’ingresso, evidenziata secondo un rapporto orizzontale e verticale grazie alla identificazione di una “unione-separazione” che diviene una “trasparenza-terrazza” per quattro livelli e scopre la cisterna d’acqua del Mazzoni, elemento originale ed intatto.
5
Il risultato è un piano di lavoro dove la sinergia e il dialogo tra tutti gli attori coinvolti, grazie all’utilizzo della tecnologia costruttiva a secco in acciaio, hanno permesso la concretizzazione di una costruzione virtuosa, nel pieno rispetto dei vincoli temporali ed economici imposti dalla committenza, semplificando la gestione delle complessità tipiche dei piani immobiliari di alto livello. 
6

La funzionalità dell’edificio e le sue risorse intrinseche (un edificio in classe A con certificazione LEED), la facile accessibilità alla rete infrastrutturale della città (l’Headquarter sorgerà in prossimità della stazione Av Roma Tiburtina), la forte identità della costruzione resa possibile da un concept architettonico di forte impatto visivo grazie alle soluzioni tecniche e materiche adottate contribuiranno a valorizzare la realtà urbana, attraverso un’unica forte visione: creare valore attraverso il progetto, progetto visto come investimento e non come costo, per le persone che ne beneficeranno e per il contesto urbano circostante.
7
8
L’opera si sviluppa su di una superficie costruita con 7.000 mq in pianta (250 m x 40 m per un edificio che si eleva fino a 50 m), dove sono previste 3.600 postazioni di lavoro.