Pavimento in gettata con materiali di inclusione

A cura di:

Ogni superficie auto-livellante viene applicata a gettata in loco, creando un pavimento unico. La pavimentazione viene installata su un substrato idoneamente preparato (di solito si tratta di cemento monolitico, cemento di sabbia, solfato/anidrite di calcio, acciaio, o altri substrati approvati) che deve essere pulito, durevole, liscio, livellato secondo le specificazioni, con valore di unità assorbita (Surface Saturated Dry – SSD) e privo di contaminanti.

L’idoneità di substrati diversi, tra cui piastrelle, terrazzo o legno, viene esaminata in funzione del progetto.
Lo spessore medio dello strato è di 3 mm (0.1 in). È possibile camminare sulla pavimentazione dopo circa 72 ore dall’applicazione, ed è possibile applicare carichi meccanici dopo circa 120 ore.

La pavimentazione è estremamente durevole e può essere realizzata specificamente per offrire le caratteristiche necessarie alle pavimentazioni sottoposte ad uso intensivo e carichi meccanici.

La pavimentazione è a basso odore, ha bassa o nulla emissione di VOC. È facile da lavare e mantenere, resiste alle macchie, ai prodotti chimici, ai lubrificanti aggressivi e agli oli. La superficie può essere realizzata con caratteristiche anti-scivolo, spessore, assorbimento di impatti e fonoassorbenza su specifica del cliente.

Sono disponibili 7 colori standard, con inclusione dei materiali, grafiche e colori specificabili. È disponibile anche una versione soffice, in poliuretano (PU). Impiegata per pavimentazioni da interni ad uso commerciale e residenziale.

Partnership

Questa scheda di Infobuild è realizzata in collaborazione con Material ConneXion®, il più grande centro di documentazione e ricerca sui materiali innovativi e processi produttivi provenienti da tutto il mondo.

Fondata negli USA nel 1997 da George M. Beylerian, nel corso degli anni ha raccolto nella sua Library, oltre 3.000 materiali e processi produttivi.

La Library si arricchisce ogni mese di 30-45 nuovi materiali, selezionati da una giuria internazionale e interdisciplinare, tra i tanti inviati direttamente dalle aziende o ricercati da tecnici specializzati.

I materiali, una volta scelti, vengono inseriti nel database on-line e fisicamente sia nella sede di New York che in quelle di Milano e Colonia e diventano le novità di prodotto più interessanti dal punto di vista dell’innovazione, delle caratteristiche tecniche e delle possibilità applicative.