Origin – tree house: una architettura celata dalla natura

A cura di:

Una quercia centenaria, una delle più belle e alte situate nel Parco del Castello di Raray, in Francia, é stata il punto di partenza per la costruzione di una insolita dimora, unica nel panorama delle architetture sospese poiché realizzata dall’architetto Marco Lavit Nicora totalmente su misura e su specifiche esigenze del committente.

a cura di Silvia Giacometti

ORIGIN tree house - Photo Marco Lavit (libre de droits)

La sfida architettonica del giovane architetto varesino é stata quella di creare una stanza funzionale e confortevole, rimanendo fedeli però all’ispirazione iniziale del progetto: una costruzione che doveva assomigliare a tutti gli effetti a un nido.

Il disegno stesso della capanna, affiancato alle tecniche costruttive, ha portato a una razionalizzazione della logica d’intreccio dei rami raccolti dagli uccelli per creare i loro rifugi di difficile accesso.

ORIGIN tree house HD - Photo Marco Lavit

Incontro tra poesia e maestria di carpentiere, la capanna Origin spicca discretamente tra le querce secolari della foresta del Château de Raray, come a far parte di questo panorama da sempre. Maestosa ed elegante, integra e completa un paesaggio di per sé già suggestivo, arrivando a sublimarlo offrendovi un vero e proprio rifugio lontano dalla frenesia di tutti i giorni.

ORIGIN tree house - Photo Marco Lavit

L’accesso avviene in sequenza, transitando prima da una piattaforma anch’essa sospesa su di una quercia distante trenta metri, che accoglie una vasca spa riscaldata e uno spazio di intimo relax. Percorrendo poi una passerella sospesa a dieci metri d’altezza, si arriva direttamente all’interno del nido.

Interno ORIGIN tree house, casa in una quercia

Una scaletta in legno invita a continuare l’ascesa a stretto contatto fisico con la pianta, per scoprire con un certo stupore un’ampia terrazza panoramica a 360° sul tetto della capanna stessa. Un belvedere sulla foresta di querce della proprietà, tanto sorprendente quanto inatteso perché ben celato alla vista dal basso.

La pianta ottagonale del progetto organizza lo spazio intorno al tronco della quercia, inglobandolo nel volume abitato e rendendolo protagonista dell’ingresso della capanna. Già nel patio, completamente trasparente, ci si sente protetti come in un nido e con la possibilità di accedere alla zona giorno grazie a due ampie vetrate scorrevoli.

La camera da letto di ORIGIN tree house

Una volta entrati nella capanna si é immersi in un’atmosfera ovattata, luminosa e intima grazie alle grandi finestre che collegano il soffitto al pavimento.

La casa sull'albero ORIGIN tree house, vista dalla vetrata

Il legno utilizzato per il rivestimento interno è il Pioppo, specie legnosa tenera e chiara e dal buon profumo. Le pareti interne, lisce, sono accostate alle superfici del mobilio, fatto su misura, lavorate con fini listellature orizzontali, in giochi di volume di semplice geometria. Attorno al patio si sviluppano in successione gli spazi di vita: l’ingresso con la zona giorno e quella della notte, fino a un piccolo corridoio con tre porte scorrevoli che celano rispettivamente uno spogliatoio, un bagno ben attrezzato e un locale tecnico, ognuno orientato rispettivamente verso le ampie vetrate che danno sulla foresta circostante.