Sesto San Giovanni e la nuova Stazione FS

A cura di:

Dal masterplan al progetto della stazione a scavalco di Renzo Piano Building Workshop e Ottavio Di Blasi & Partners. È nata così la nuova stazione ferroviaria sulle aree dell’ex Falck di Sesto, si tratta di una delle più importanti operazioni di recupero di ex aree industriali. Una struttura a ponte in acciaio e vetro che collegherà due zone della città e che ospiterà negozi, bar e servizi per visitatori e viaggiatori

a cura di Pietro MezziRender della nuova stazione ferroviaria di Sesto San Giovanni Il Renzo Piano Building Workshop ha realizzato il progetto insieme all’architetto milanese Ottavio Di Blasi & Partners, antico collaboratore del senatore a vita. Stiamo parlando della nuova stazione ferroviaria di Sesto San Giovanni, una delle non poche opere pubbliche previste dall’accordo di programma per il recupero e la riqualificazione delle ex aree Falck di Sesto.Riqualificazione stazione ferroviaria di Sesto San Giovanni, MilanoIl nuovo scalo è un ponte pedonale che unisce i due lati della città (il nucleo storico e le aree dell’ex fabbrica), oggi separati dalla ferrovia, e distribuisce il traffico pedonale proveniente dalla sottostante fermata della metropolitana: funziona anche da interscambio tra la metro milanese e quelle ferroviarie e degli autobus di superficie.Render della nuova stazione ferroviaria di Sesto San Giovanni che è anche un ponteL’edificio riprende in chiave moderna l’immagine storica delle grandi stazioni ferroviarie: essa infatti sarà quasi completamente costituita da strutture metalliche e vetro. Il grande tetto vetrato, quasi sospeso sopra il collegamento pedonale, è l’elemento caratteristico del progetto: una grande copertura fotovoltaica in vetro di 110 metri per 28, che è in grado di soddisfare i fabbisogni energetici della stazione.nuova stazione ferroviaria di Sesto San Giovanni che è anche un ponteIl ponte abitato è invece una grande piattaforma pedonale di 89 per 18 metri, attrezzata con bar, negozi e servizi, che permetterà la vista da una posizione privilegiata del parco e della Città della Salute.

La struttura è costituita da un collegamento in acciaio poggiante a terra su otto pile in calcestruzzo armato e architettonicamente si configura come una sottile lastra monomaterica sulla quale è sospesa la grande copertura vetrata fotovoltaica.

Img by Renzo Piano Building Workshop – Ottavio Di Blasi e Partners