Hotel Il Campanile della Veglia

A cura di:

Prima di diventare un accogliente albergo, l’hotel Il Campanile si chiamava “Il Palazzo delle Anime”: un nome molto suggestivo, che indicava un luogo di ritiro e di esercizi spirituali, edificato nel 1765.
Teatro di vicende storiche importanti, come l’occupazione delle truppe napoleoniche nel 1834, il convento è stato custodito da vari parroci.
Nel 1875 Carlo Balocco, noto pittore della zona, “specializzato” in ex voto e in sacre raffigurazioni, venne invitato ad affrescare le sale principali della struttura, dove le sue opere rimangono ancora oggi testimoni della fede, nelle stanze dedicate all’accoglienza degli ospiti e agli eventi.
Dal 1977 nessuno ha più abitato all’interno della struttura, e il passare del tempo ha reso inagibile l’edificio.
Nel 2004 la struttura è stata acquistata dalla società Palazzo delle Anime srl, che avviato i lavori di recupero e messo in sicurezza il fabbricato.
Successivamente è iniziata l’opera di restauro, tesa da una parte a ripristinare la dignità della struttura e riparare a danni dovuti principalmente a problemi di umidità, dall’altra a dotare il complesso di quegli elementi indispensabili per la trasformazione in struttura recettiva.

L’INTERVENTO
Il degrado maggiore è stato riscontrato sulle pareti, provocato dall’umidità di risalita causata dalle acque meteoriche e aggravata dalla mancanza di estese porzioni della copertura.
Per eliminare questi problemi si è provveduto all’inserimento di un vespaio aerato, al di sotto del pavimento del pian terreno.
Gli intonaci presentavano fenomeni di dilavamento, rigonfiamento e distacco di vari strati, oltre a macchie dovute alla presenza di inferiate metalliche.
Per porre rimedio a questi danni sono stati utilizzati i prodotti del Sistema Risanamento Fassa Bortolo.
Per prima cosa è stato applicato su tutte le parti il rinzaffo antisale S 641, successivamente uno strato con spessori variabili da 2 a 4 cm di intonaco macroporoso risanante S 627, che aumenta la velocità di evaporazione dell’acqua verso l’esterno e favorisce la cristallizzazione dei sali nei macropori dell’intonaco, prevenendo la formazione di tensione e quindi rotture in superficie.
Trascorsa una settimana, è stato applicata su tutte le parti risanate la bio-finitura 750 della linea Ex Novo, a base di calce idraulica naturale NHL 3,5 e appositamente studiata per il risanamento di murature umide grazie alle sue elevate proprietà traspiranti.
In tutte le restanti parti dell’edificio (cucine, camere, corridoi) sono stati utilizzati l’intonaco calce/cemento KC 1 e l’intonaco calce/cemento fibrato KD 2, sui quali è stata applicata successivamente la bio-finitura 750 che, come tutti i prodotti della linea Ex Novo, ha ottenuto la certificazione ANAB-ICEA.

Prodotti impiegati
Sistema Risanamento: Rinzaffo S 641, Intonaco macroporoso S 627
Linea Restauro Ex Novo: Bio intonaco di finitura traspirante 750
Intonaci calce/cemento: KC 1, KD 2