L’albero bianco di Fujimoto sovrasta la periferia di Montpellier

Un albero di colore bianco alto 17 piani che sembra spuntare dal suolo. È la trovata architettonica ad uso misto di di Fujimoto che sta per essere completata nella città francese. Una follia architettonica del XXI° secolo.

Albero bianco di Fujimoto a Montpellier
photo by nicolaslaisne.com

Un enorme tronco di colore bianco che si erge dal suolo con decine e decine di rami e foglie. Vincitori della edizione 2014 della competizione la “follia architettonica del XXI° secolo” lo studio di architettura Sou Fujimoto ha collaborato con lo studio di architettura Nicolas Laisné Associés, Dimitri Roussel e con OXO Architects.

L’Arbre Blanc è un incontro tra Giappone e Mediterraneo, uno scambio tra due generazioni di architetti, Fujimoto da un lato e la nuova generazione di architetti francesi dall’altro; è l’unione del candore brillante delle pietre del sud, con la purezza e la raffinatezza della cultura giapponese. È l’esaltazione della connessione armoniosa tra l’uomo e il mondo, tra l’interno e l’esterno, peculiari della cultura taoista.

L’iconico edificio è situato in una posizione strategica per tutta l’area metropolitana, a metà strada tra il quartiere più vecchio e le nuove periferie di città. Unica nel paesaggio di tutta la costa meridionale della Francia, questa torre di diciassette piani offre ampie vedute del mare, del Pic Saint-Loup, della città e del fiume Lez.

L’albero bianco, i suoi rami e le sue foglie

Sviluppato su una superficie di 10 mila metri quadrati, l’Arbre Blanc è stato progettato per apparire come se crescesse dal terreno. Il progetto, quasi pronto, ospiterà unità abitative, uffici, una galleria d’arte, un ristorante e un bar panoramico con vista sull’oceano e sulla vicina catena montuosa.

In linea con le tendenze della vita locale, che predilige la vita all’aperto, l’albero bianco è contornato da decine di balconi che gravitano verso l’esterno, come foglie che si aprono a ventaglio per assorbire la luce solare, mentre i vari rami dello schema forniscono le giuste zone di ombra per le proprietà adiacenti.

I balconi che caratterizzano il progetto l’Arbre Blanc a Montpellier
I balconi che caratterizzano il progetto l’Arbre Blanc. Photo by nicolaslaisne.com

Le aree esterne sono decisamente grandi e progettate come ambienti di vita a tutti gli effetti.
Una generosa riserva di vegetazione prevede giardini pensili, piante e alberi posizionati in tutte le unità abitative, in modo da rendere l’Arbre Blanc un vero e proprio giardino verticale. La profondità dei giardini pensili e le strutture che forniscono l’ombra necessaria, rendono questo edificio unico al mondo.

I balconi che caratterizzano il progetto l’Arbre Blanc di Montpellier
Photo by nicolaslaisne.com

Per garantire un ambiente confortevole e vivibile, l’edificio è stato progettato implementando una serie di strategie passive. A completare il progetto la possibilità per i futuri residenti di scegliere un layout interno personalizzabile, grazie a spazi modulabili in base alle proprie necessità o ai propri gusti.

Pianta progetto L’albero bianco di Fujimoto a Montpellier
Photo by nicolaslaisne.com

 

Condividi

Commenta questo approfondimento