Cascina Merlata

A cura di:

Situata in prossimità del polo fieristico di Rho- Pero, dell’area Expo 2015 e della direttrice Nord-Ovest prioritaria per il futuro sviluppo della città, Cascina Merlata mira a promuovere la realizzazione di un innovativo habitat metropolitano progettato secondo avanzati principi della sostenibilità ambientale.
Cascina Merlata Spa, società promotrice del progetto, ha indetto nel gennaio 2008 un concorso di idee per la redazione del masterplan dell’area, a cui sono stati invitati a partecipare undici fra i maggiori studi di architettura italiani tra cui Antonio Citterio Patricia Viel and Partners, Caputo Partnership e MCA, che sono poi risultati vincitori ex – aequo.
In seguito la progettazione architettonica è stata affidata ai primi due studi, che hanno elaborato l’attuale masterplan che prevede un mix funzionale a destinazione residenziale, pubblica, terziaria, ricettiva e commerciale.

Le residenze avranno una superficie totale di 323.507 mq e saranno suddivise in diverse tipologie, libera, convenzionata e agevolata.
Sorgeranno all’interno di un parco pubblico attrezzato di 200 mila mq circa, integrato con il contesto territoriale e con gli spazi a verde preesistenti ai margini dell’area, attraversato dal percorso ciclopedonale “raggio verde 7” che collega il centro di Milano con l’area Expo. A quest’arteria verde si aggiungono gli oltre 6 Km di piste ciclabili e la passerella pedonale che permetterà di raggiungere a piedi l’Expo.

È inoltre prevista la realizzazione di funzioni di interesse pubblico, integrate con il sistema degli spazi verdi e connesse alla rete dei collegamenti, a servizio del quartiere e dell’intera città. Uno degli elementi qualificanti del progetto è proprio il sistema degli spazi pubblici, in particolare il parco che non è concepito, come spesso accade, come elemento di “risulta”, ma con un ruolo centrale nel progetto. Insieme con le piazze e le corti giardino, funge da elemento connettivo tra i diversi luoghi progettati: residenze, attrezzature pubbliche, servizi e contesto generale. Questa connessione si ispira agli elementi urbani classici delle città storiche italiane.

Il dialogo con gli uffici pubblici si arricchirà con la realizzazione di un complesso scolastico – che si svilupperà su un’area di 12.000 mq e sarà destinato alla scuola per l’infanzia e alla formazione primaria e secondaria – due asili nido e un centro socio ricreativo per anziani.

Il quartiere di Cascina Merlata sarà fortemente orientato ai principi della sostenibilità e all’utilizzo di tecnologie avanzate per ridurre l’impatto ambientale. Ad esempio, la climatizzazione estiva sfrutterà lo scambio termico con l’acqua di falda e il progetto della vegetazione mirerà ad attenuare il calore sugli edifici. A completare il mix funzionale, a nord, in prossimità dell’autostrada Milano – Torino, è previsto l’insediamento di un centro commerciale di 45 mila mq, di un albergo di 15 mila mq e di uffici per 10 mila mq.

La trasformazione urbanistica dell’area di Cascina Merlata porterà alla nascita di un polo territoriale in stretta relazione con le aree che andranno a ospitare il pubblico internazionale in visita al polo fieristico di Rho–Pero e all’Expo 2015. Molte opere saranno realizzate entro aprile 2015, tra cui il parco centrale attrezzato che collegherà via Gallarate con la piazza su cui si attesterà la passerella pedonale verso Expo, la connessione con il “raggio verde 7” che collegherà il centro di Milano con l’area Expo, il recupero del fabbricato Cascina Merlata anche per attività connesse all’evento espositivo universale, il collegamento A4-via Gallarate e quasi tutta la viabilità interna al nuovo quartiere.

Le residenze
Avranno una superficie totale di 323.507 mq, sorgeranno all’interno del parco pubblico attrezzato e saranno suddivise in diverse tipologie: libera, convenzionata e agevolata. Tutti i parcheggi degli edifici privati saranno interrati.

Il parco e il verde
Il progetto definitivo è caratterizzato dalla presenza di un Parco pubblico, attrezzato, di oltre 200 mila mq. Il percorso del verde di Cascina Merlata sarà continuo in ogni parte dell’area: dal Parco vero e proprio, alle isole intorno alle residenze, alle corti interne. Un unicum che attraversa e percorre tutta Cascina Merlata per una lunghezza di circa 2 Km ed una larghezza di circa 120 m, misura studiata per rendere il verde vivibile e sicuro grazie a un presidio visivo continuo da ogni posizione.
Il Parco sarà caratterizzato da un mix di essenze tipiche della Lombardia, come querce, frassini, ciliegi e tigli che saranno integrate tra loro per rispondere al meglio alle due funzioni principali di schermo e di guida.
La via di accesso al Parco avrà una larghezza di circa 200 metri, ideata per mettere in luce la presenza della Cascina. Da questa entrata, durante l’Expo, è previsto l’ingresso pedonale alla fiera internazionale.
Diverse funzioni di interesse pubblico saranno inoltre integrate con il sistema degli spazi verdi e connesse alla rete dei collegamenti, a servizio del quartiere e dell’intera città: il plesso scolastico, posizionato in maniera strategica rispetto al Parco nel punto di migliore esposizione e accesso dai quartieri limitrofi, e i centri sportivi.
Ai 200 mila mq del Parco di Cascina Merlata si sommano i confinanti 180 mila mq di proprietà del Comune di Milano dove sono presenti le attività dell’AMSA e della Protezione Civile, che garantiscono anche in quest’area un presidio continuo.

Le piste ciclabili
Il parco si integra al contesto territoriale, agli spazi verdi preesistenti ai margini dell’area ed è collegato al percorso ciclopedonale “raggio verde 7”, che collega il centro di Milano con l’area Expo. A quest’arteria verde si aggiungono gli oltre 6 Km di piste ciclabili e la passerella pedonale che permetterà di raggiungere a piedi l’Expo.

Il centro terziario-commerciale
Oltre alle residenze, il progetto nella parte nord prevede un insediamento di più edifici, tra cui un albergo, uffici e un centro commerciale che avrà una superficie di 45 mila mq e si svilupperà su tre piani. I primi due piani, posti a livello delle residenze, saranno dedicati ai parcheggi e il piano superiore, posto a livello autostradale, sarà dedicato al centro commerciale vero e proprio che ospiterà un ipermercato alimentare, una galleria commerciale composta da più strutture di vendita ed uno spazio adibito al tempo libero, con centri dedicati al food, al leisure e al fitness.