UNI 10721: servizi di controllo applicati all’edilizia

La recente edizione della Norma UNI 10721 vuole maggiormente focalizzare l’attenzione su come si possa controllare meglio per ridurre i costi e aumentare la qualità delle opere, grazie al coinvolgimento di tutte le parti interessate e in piena sinergia con la legislazione: Questo è quanto è emerso anche dal convegno “Strumenti di controllo del processo di progettazione e costruzione: la norma UNI 10721” organizzato da UNI e AICQ Settore Costruzioni lo scorso 1 ottobre, i cui interventi sono raccolti e trascritti nel dossier allegato.

Quando si parla di servizi di controllo tecnico applicati all’edilizia e alle opere di ingegneria civile, così come di promozione di una nuova cultura di prevenzione e di controllo che accompagni la pianificazione e la programmazione dell’intervento non ci si può limitare solo al prodotto, ma bisogna estendere l’osservazione al processo e alle componenti della sua organizzazione in cui le persone, innanzi tutto, ma anche l’ambiente, sono una componente essenziale e non prescindibile.
La norma UNI 10721 nasce con la finalità e lo spirito di essere uno strumento per:

  • garantire la completezza, la compiutezza e l’integrazione delle diverse fasi della progettazione;
  • migliorare e monitorare la qualità e la conformità del processo produttivo con l’adozione delle migliori tecniche;
  • meglio identificare competenze, professionalità, responsabilità degli attori del processo;
  • garantire il committente, l’utente sulle performance del prodotto, la sua conformità, la sua durabilità, il suo uso nel tempo.

Un’esigenza che non risponde solo a finalità produttive, ma è indispensabile per meglio raccordare il sistema delle garanzie e delle responsabilità alla luce degli obblighi sanciti dall’art. 1669 CC e delle garanzie assicurative rese obbligatorie dalla legge.

Scarica l’intero Dossier in PDF

“Dossier tratto da U&C n. 1 – Gennaio 2014”.