Pannello di particelle ad alta resistenza

A cura di:

Il materiale ha due volte la resistenza dei pannelli OSB (oriented strand board – panello a fibre orientate) standard e presenta elevata rigidità e resistenza a flessione, conferite ai pannelli in entrambe le direzioni dalla distribuzione uniforme delle particelle nel piano orizzontale.

I pannelli sono disponibili nelle misure 2030 x 2100-6120 mm e 2440 x 2620-6350 mm con spessori compresi tra 9 e 25 mm. La distanza minima di posizionamento dei chiodi rispetto ai bordi dei pannelli è di soli 8 mm.

A seconda degli spessori (>6-13, >13-20, >20-25 – EN 324-1) il materiale ha una densità di 740/710/695 kg/m3 (EN 323), una resistenza a fatica (flessione in lunghezza e larghezza) di 19,0/017,0/16,0 N/mm2 (EN 310), un modulo di elasticità (lunghezza e larghezza) di 3250/2800/2900 N/mm2 (EN 310), un carico di rottura di 1,13/1,11/1,04 N/mm2 (EN 319), un rigonfiamento (24 h) del 16,0/13,0/10,4 % (EN 317) ed un contenuto di umidità generico del 5-13% (EN 322).

La tolleranza sull’ortogonalità e di rettilineità dei pannelli, calcolate per un contenuto di umidità del materiale corrispondente ad un’umidità relativa del 65% ed una temperatura di 20°C, sono rispettivamente di 2 e 1,5 millimetri per metro (EN 324-2). Il materiale è facilmente segabile ed ha emissioni di formaldeide ridotte (classe E1).

È approvato P4 CE ed è certificato PEFC (Pan-european Forest Certification Council). Le applicazioni includono strutture e pavimentazioni portanti, scheletri strutturali in sostituzione del legno, tetti, pareti, pannelli divisori, imballaggi ed allestimenti fieristici.

Partnership

Questa scheda di Infobuild è realizzata in collaborazione con Material ConneXion®, il più grande centro di documentazione e ricerca sui materiali innovativi e processi produttivi provenienti da tutto il mondo.

Fondata negli USA nel 1997 da George M. Beylerian, nel corso degli anni ha raccolto nella sua Library, oltre 3.000 materiali e processi produttivi.

La Library si arricchisce ogni mese di 30-45 nuovi materiali, selezionati da una giuria internazionale e interdisciplinare, tra i tanti inviati direttamente dalle aziende o ricercati da tecnici specializzati.

I materiali, una volta scelti, vengono inseriti nel database on-line e fisicamente sia nella sede di New York che in quelle di Milano e Colonia e diventano le novità di prodotto più interessanti dal punto di vista dell’innovazione, delle caratteristiche tecniche e delle possibilità applicative.