CERAMICHE BIOATTIVE

UN LUNGO PERCORSO DI RICERCA

L’origine della ceramica bioattiva è frutto di una serie di acquisizioni scientifiche sviluppate a partire dall’inizio degli anni Sessanta, in primo luogo gli esperimenti sugli ossidi condotti presso l’Università di Tokyo, volti a implementare una reazione chimica attraverso la luce, dando luogo a un effetto fotocatalitico. Nel caso specifico venne impiegato il biossido di titanio (TiO2).

La reazione Fujishima-Honda, che prende il nome dei suoi due scopritori, si verifica immergendo in acqua ed esponendo alla luce un cristallo di TiO2 rutilo e un frammento di platino. Da entrambi i materiali si sviluppano bolle di gas (ossigeno dal biossido di titanio e idrogeno dal platino). In estrema sintesi, l’acqua si scompone in ossigeno e idrogeno esclusivamente in presenza di luce (in realtà dei soli raggi UV) e senza apporto alcuno di energia elettrica.

L’elevatissima capacità ossidante del TiO2 si è dimostrata in seguito in grado di reagire e distruggere quasi tutti i composti organici, aprendo il campo a numerose applicazioni. Un ulteriore e determinante passo avanti è avvenuto a metà anni Novanta grazie alla giapponese TOTO che nei suoi laboratori ha messo a punto e brevettato HYDROTECT®, un coating capace di sommare ai vantaggi ottenibili grazie all’azione disgregante del TiO2- quelli di una superficie superidrofila che, sotto l’azione degli UV – è in grado di ridurre l’angolo di contatto con l’acqua, favorendone il dilavamento.

Come noto, in campo architettonico, l’autopulenza delle superfici così trattate si attiva semplicemente grazie all’azione della pioggia naturale. Uno sviluppo ulteriore nel campo delle ceramiche bioattive si è registrato qualche anno fa, grazie a una ricerca finalizzata, promossa da Casalgrande Padana in collaborazione con il Dipartimento di scienze biomediche, sezione di microbiologia, dell’Università di Modena e Reggio Emilia. Tale ricerca ha portato alla realizzazione e al brevetto della rivoluzionaria linea di piastrelle antibatteriche in grès porcellanato pienamente vetrificato bios Ceramics®, prodotta attraverso un innovativo processo basato sull’impiego a tutta massa di nanotecnologie di ultima generazione.

Il risultato della ricerca di Casalgrande Padana

Grazie alle specifiche competenze maturate, Casalgrande Padana è in grado di offrire la più completa, efficiente e certificata gamma di prodotti nel settore delle ceramiche bioattive. La produzione si articola nell’ambito di due linee estremamente specializzate, in grado di rispondere a qualsiasi esigenza applicativa in interni ed esterni, associando al meglio, in funzione delle specifiche condizioni di impiego, caratteristiche antibatteriche, autopulenti e di riduzione degli agenti inquinanti.

La gamma cromatica, le finiture e i formati modulari offerti al progettista consentono di soddisfare qualunque esigenza applicativa, al fine di coniugare soluzioni estetiche e di finitura di elevato livello con prestazioni tecniche di assoluta eccellenza. L’offerta comprende:

Linea di lastre ceramiche frutto di un Master Agreement siglato con TOTO, pensata e sviluppata per la realizzazione di rivestimenti esterni di facciata. Grazie allo speciale trattamento basato sulla tecnologia HYDROTECT®, in presenza di luce solare bios Self-Cleaning® attiva una reazione in grado di abbattere gli inquinanti presenti nell’aria e decomporre lo sporco che si deposita sulla superficie delle piastrelle, facendo in modo che venga rimosso dall’acqua piovana, grazie alla super-idrofilia della superficie ceramica.

Linea di lastre ceramiche principalmente destinate alla realizzazione di pavimenti e rivestimenti con assolute proprietà antibatteriche. bios Antibacterial® è articolata in due tipologie prodotto:

bios Antibacterial HYDROTECT®

Realizzata in partnership con TOTO e sviluppata per sommare le proprietà antibatteriche dei metalli nobili a quelle del biossido di titanio. Nelle applicazioni in interni, dove le condizioni di illuminazione non sono sufficienti per garantire la reazione fotocatalitica/antibatterica (vedi versione HYDROTECT®), l’aggiunta di un trattamento a base di metalli nobili, rende le piastrelle in grado di eliminare i batteri e i cattivi odori anche in completa assenza di luce. Il trattamento viene proposto a richiesta su tutte le serie del catalogo Casalgrande Padana.

bios Antibacterial GRANITOGRES®

Sviluppata grazie a un brevetto di Casalgrande Padana, frutto di una ricerca effettuata in collaborazione con il Dipartimento di scienze biomediche, sezione di microbiologia, dell’Università di Modena e Reggio Emilia. Le lastre così ottenute sfruttano le proprietà di un innovativo trattamento antibatterico a base di argento, in grado di eliminare i principali ceppi batterici anche in completa assenza di luce. La particolarità del trattamento risiede nella sua applicazione nella massa delle piastrelle, che rende l’azione antibatterica insensibile all’usura e alle sollecitazioni del tempo. bios Antibacterial GRANITOGRES® risulta quindi particolarmente idoneo per l’impiego in ambienti a elevatissimo traffico. Il trattamento viene realizzato a richiesta, esclusivamente sulle serie della linea Granitogres.

www.casalgrandepadana.it

RICHIEDI INFORMAZIONI A

CASALGRANDE PADANA

su Ceramiche Bioattive di Casalgrande Padana

Già registrato? Login